Scheda Insegnamento: STORIA DELL'EUROPA DI CENTRO A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: FILOLOGIA MODERNA (LM-14)
  • Codice: 12997
  • Crediti: 8
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 2
  • Erogazione: I semestre
  • Docente: GAETANO PLATANIA

Programma

La Rzeczpospolita del Seicento tra guerre e diplomazia

La Polonia è fra gli Stati europei quello che ha vissuto, dall'età moderna ad oggi, l'esistenza più travagliata. Schiacciato fra due colossi, il russo e il tedesco, cancellato per due volte dalla carta politica e per volte risorto dalle proprie ceneri e da quelle di un continente sconvolto dai conflitti mondiali che la designarono teatro delle più gravi catastrofi umane della storia recente, ricostituito entro nuove frontiere, ha recuperato la stabilità a prezzo della propria autonomia politica. Soltanto l'ultimo ventennio, facendo appello alla determinazione e al coraggio di tutte le sue forze sociali e intellettuali, ha riconquistato la piena indipendenza con la dissoluzione del sistema geopolitico alla cui crisi ha dato un contributo decisivo. Il corso intende ripercorrere i più importanti eventi della storia della Polonia da confrontare con quelli dell'Europa continentale. Momenti di unione ma anche di divisione, di incontri ma anche di contrasti. Eventi che fanno della Polonia un ?laboratorio? di idee e di forme istituzionali uniche nel panorama dell'Europa moderna e contemporanea.

Testi consigliati

Parte generale:


Articolazione e contenuti del corso principale.
Il corso di articolerà attraverso lezioni frontali e seminari suddivisi in:
a) parte generale;
b) corso monografico;
c) letture e commento di documenti d'archivio inediti e/o rari (seminari)
d) visite guidate presso enti di conservazione documentaria.
Saranno utilizzati i principali strumenti informatici e della comunicazione telematica negli ambiti specifici di competenza:

a) Parte generale:
- Cenni storico-geografici sull'est d'Europa, Dispense da scaricare dalla piattaforma

b) Corso monografico:

- G. Platania, Rzeczpospolita, Europa e Santa Sede fra intese ed ostilità, Viterbo, Sette Città editrice, 2018
- A. Boccolini, Un lucchese al servizio della Santa Sede. Francesco Buonvisi nunzio a Colonia, Varsavia e Vienna, Viterbo, Sette Città editrice, 2018
- F. De Caprio, Costruzione di una regina consorte. Cerimonie e propaganda nel viaggio verso il trono polacco di Maria Luisa Gonzaga Neves, Viterbo 2018.

Due testi tra i seguenti
G. Platania, Il viaggio in età moderna, a cura di Francesca De Caprio, Viterbo, Sette Città editrice, 2017
AA.VV., Il viaggio e l'Europa. Incontri e movimenti da, verso, entro lo spazio europeo, a cura di Raffaele Cardarelli e Alessandro Boccolini, Viterbo 2018.
AA.VV., Roma e Cristina di Svezia, a cura di Gaetano Platania, Viterbo 2016
AA.VV., Viaggi e viaggiatori nella Tuscia viterbese. Itinerari di idee, uomini e paesaggi tra età moderna e contemporanea, a cura di Alessandro Boccolini, Viterbo 2016
AA.VV., Viaggio politico, viaggio materiale. Monsignor Galeazzo Marescotti nunzio a Varsavia, a cura di Alessandro Boccolini, Viterbo 2015

Propedeuticità

Per il corretto svolgimento della preparazione all'esame, lo studente dovrà portare i testi curriculari più i testi a scelta tra quelli indicati nelle letture integrative o, in alternativa, in quest'ultimo caso, almeno quattro articoli a scelta tratti dal portale del Docente: Materiali didattici. Esercitazioni, laboratori, seminari integrativi si svolgeranno all'interno del semestre in orari differenti dal corso propedeutico.

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 48

Valutazione del profitto

Prova in itinere, prova orale

Descrizione dei metodi di accertamento

Gli strumenti didattici previsti per la verifica del livello di conoscenze acquisite, comprendono prove di verifica orali e/o scritte, eventualmente in itinere durante lo svolgimento del corso, soprattutto durante i seminari (con possibile richiesta di relazioni scritte e/o orali) che si affiancano all'insegnamento della "Storia dell'Europa di cento" e più in generale agli avvenimenti relativi all'area dell'est europeo.
Sono previste partecipazioni a visite guidate presso archivi e biblioteche (in particolare, vista la centralità degli avvenimenti storici che si prenderanno in esame durante il corso), tra cui l'Archivio Segreto Vaticano, la Biblioteca Apostolica Vaticana, l'Archivio della Sacra Congregazione de Propaganda Fide. Saranno programmate conferenze alle quali saranno invitati studiosi dell'area disciplinare in oggetto e studiosi del più vasto settore scientifico disciplinare di M-STO/02.
Evidente importanza sarà attribuita all'attività mirata di auto-apprendimento.

Luogo lezioni

Orario lezioni

Comunicazioni

INIZIO LEZIONI A/A 2016-2017 Martedì 3 OTTOBRE

Il prof. Platania riceve gli studenti i giorni di martedì, mercoledì e venerdì prima e dopo le lezioni secondo calendario affisso.

Per colloqui urgenti e/o per concordare un eventuale appuntamento telefonico, si prega di scrivere via mail. (gaetanoplatania@unitus.it)

I laureandi che abbiano consegne di materiale da effettuare, possono inviare i loro files all'indirizzo mail. La correzione avverrà per via elettronica o per appuntamento nei giorni dedicati al ricevimento dei laureandi.


Si ricorda che le lezioni inizieranno martedì 11 ottobre 2016 e si svolgeranno nel I semestre secondo l'orario che è visibile sul sito del Dipartimento. Per maggiore precisione le lezioni si terranno nei seguenti giorni: martedì, mercoledì e venerdì.

Per tutti gli studenti, si raccomandano le parole di Giambattista Vico il quale, nel suo "De mente eroica", si rivolgeva così ai giovani:

"Nobili giovinetti, conviene che vi applichiate agli studi non già per aver modo di procacciarvi ricchezze (…); non già per poter giungere un giorno a cariche e a possanza (…). No: da voi si attende qualcosa di molto più alto. (…) Ciò che si attende da voi, voglio dire, è che dispieghiate attraverso gli studi letterari ciò che nella vostra mente è di eroico, per volgere la sapienza alla felicità del genere umano".

Ed io aggiungo: "Lo studio ci rende tutti migliori, tutti più liberi".