Scheda Insegnamento: GEOLOGIA GENERALE A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: SCIENZE AMBIENTALI (L-32 Civitavecchia)
  • Codice: 14749
  • Crediti: 6
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 1
  • Erogazione: I semestre
  • Docente: VINCENZO PISCOPO

Programma

Obiettivi formativi
Gli obiettivi del corso sono la trasmissione delle nozioni di base di geologia utili per inquadrare correttamente i temi ambientali. Il corso introduce alla composizione della Terra e focalizza l’attenzione sul ciclo litogenetico. I processi esogeni ed endogeni che sovraintendono alla formazione delle rocce ed alla loro giacitura costituiscono temi centrali del corso.

Risultati di apprendimento attesi
Conoscenze e capacità di comprensione
Al termine dell’attività formativa lo studente acquisirà conoscenze sulla costituzione interna della Terra e sui principali processi endogeni ed esogeni che caratterizzano il Pianeta. Saprà distinguere i più comuni tipi di rocce collegandoli ai loro processi formativi. Sarà capace di comprendere i principi della stratigrafia e le principali strutture geologiche.
Conoscenza e capacità di comprensione applicate
Al termine dell’attività formativa lo studente dovrà dimostrare di essere in grado di sapere: distinguere e classificare i principali tipi di rocce, leggere una carta geologica ed elaborare una semplice sezione geologica.
Autonomia di giudizio
Lo studente durante le esercitazioni cartografiche acquisirà autonomia di giudizio sulla base delle conoscenze apprese, confrontandosi con diversi contesti geologici italiani.
Abilità comunicative
Lo studente acquisirà un appropriato linguaggio tecnico durante gli esercizi di classificazione delle rocce e di lettura ed interpretazione delle carte geologiche. I risultati di questi esercizi prevedono anche una breve sintesi scritta ed un elaborato grafico. Le abilità comunicative saranno verificate in sede di esame.
Capacità di apprendere
Lo studente dovrà dimostrare di essere in grado di utilizzare i metodi appresi per investigare situazioni geologiche diverse da quelle considerate durante il corso. Lo studente dovrà essere in grado di tracciare i caratteri geologici essenziali di una semplice realtà territoriale.

Programma
Forma e dimensioni della Terra. La struttura interna della Terra: nucleo, mantello e crosta. Litosfera e astenosfera. Cenni sulla tettonica delle zolle, margini divergenti, convergenti e trasformi.
Elementi di mineralogia: minerali e cristalli; principali proprietà fisiche e chimiche. Classificazione dei principali minerali delle rocce ignee, sedimentarie e metamorfiche: Silicati, Carbonati, Ossidi, Solfuri, Solfati, Alogenuri.
I processi magmatici e le rocce ignee. Consolidazione magmatica. Struttura e tessitura delle rocce ignee. Metodi di classificazione delle rocce ignee intrusive, effusive e filoniane. Caratteristiche delle principali rocce ignee. Giacitura delle rocce ignee intrusive e filoniane. Il vulcanismo: tipi di eruzioni e tipi di vulcani. Le rocce piroclastiche: piroclastiti da caduta e da flusso; classificazione delle rocce piroclastiche. Riconoscimento macroscopico delle principali rocce ignee e piroclastiche.
I processi esogeni e le rocce sedimentarie. Processi sedimentari: degradazione fisica e chimica, trasporto, sedimentazione e diagenesi. Classificazione e caratteristiche delle rocce sedimentarie: silicoclastiche; carbonatiche; evaporitiche; altre rocce chimiche e biochimiche, rocce residuali. Proprietà delle rocce sedimentarie. Associazioni litologiche. Principi della stratigrafia, discordanze stratigrafiche, eteropie di facies, cicli trasgressivi e regressivi. Riconoscimento macroscopico delle principali rocce sedimentarie.
I processi metamorfici e le rocce metamorfiche. Fattori del metamorfismo: temperatura, pressione e fase fluida. Tessitura e struttura delle rocce metamorfiche. Facies metamorfiche e tipi di metamorfismo. Principali rocce metamorfiche. Sequenze metamorfiche. Riconoscimento macroscopico delle principali rocce metamorfiche.
Cenni di geologia strutturale: come si deformano le rocce. Stile tettonico plicativo; stile tettonico rigido. Pieghe. Faglie. Sovrascorrimenti e coltri di ricoprimento.
I terremoti: cause, meccanismi e distribuzione dei terremoti; cenni sul rischio sismico.
Cenni sulla cronologia della Terra.
Le carte topografiche: proiezioni, scala, altimetria, idrografia. Le carte geologiche. Lettura delle carte geologiche e ricostruzione di sezioni geologiche schematiche.

Testi consigliati

Grotzinger J.P., Jordan T.H. (2016) Capire la Terra. Zanichelli, Bologna.
D'Argenio B., Innocenti F., Sassi F. P. (2005) Introduzione allo studio delle rocce. UTET, Torino.

Per gli studenti non frequentanti, si consigliano anche i seguenti testi per esercitarsi al riconoscimento delle rocce e alla lettura delle carte geologiche:
- Mottana A., Crespi R., Liborio G. (2004) Minerali e rocce. Mondadori Electa, Firenze.
- Simpson B. (2013) Lettura delle carte geologiche. Dario Flaccovio Editore, Palermo.
Per gli studenti non frequentanti, per le esercitazioni sulle carte geologiche, si consiglia l’acquisto di più fogli della Carta Geologica d’Italia alla scala 1:50.000 e 1:100.000.
Per gli studenti frequentanti e non frequentanti, è disponibile una collezione di rocce sedimentarie, ignee e metamorfiche presso la Sede di Civitavecchia per le esercitazioni individuali, rivolgendosi alla Segreteria Didattica.

Propedeuticità

Nessuna.

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 40

Valutazione del profitto

Prova orale, prova pratica

Descrizione dei metodi di accertamento

L'esame si svolge nelle forme stabilite dal Regolamento Didattico di Ateneo. Del suo svolgimento viene redatto apposito verbale, sottoscritto dal Presidente e dai membri della commissione e dallo studente esaminato. Il voto è espresso in trentesimi, con eventuale lode. Il superamento dell'esame presuppone il conferimento di un voto non inferiore ai diciotto/trentesimi e comporta l'attribuzione dei corrispondenti crediti formativi universitari. Nella valutazione delle prove e nell’attribuzione del voto finale si terrà conto: del livello di conoscenza dei contenuti dimostrato (superficiale, appropriato, preciso e completo, completo e approfondito), della capacità di applicare i concetti teorici (errori nell’applicare i concetti, discreta, buona, ben consolidata), della capacità di analisi, di sintesi e di collegamenti interdisciplinari (sufficiente, buona, ottima), della capacità di senso critico e di formulazione di giudizi (sufficiente, buona, ottima), della padronanza di espressione (esposizione carente, semplice, chiara e corretta, sicura e corretta).
La valutazione del profitto avviene mediante due prove:
- una prova pratica, che consiste nel riconoscimento di un campione di roccia e nell’elaborazione di una semplice sezione geologica;
- una prova orale, che, partendo da quanto esaminato dallo studente nella prova pratica, tenderà a verificare la completezza delle conoscenze sugli argomenti del programma.
Alla prova pratica viene attribuito un voto in trentesimi, con eventuale lode. Con voto non inferiore ai diciotto/trentesimi lo studente sarà ammesso alla prova orale, alla quale viene attribuito un voto in trentesimi con eventuale lode. Il voto finale deriverà dalla media dei voti risultanti dalla prova pratica e dalla prova orale.

Luogo lezioni

Via Felice Guglielmo 4 - Civitavecchia (RM)

Orario lezioni

L'orario è pubblicato si sito del corso di studio alla voce "Orario delle lezioni"

Comunicazioni

Il docente riceve gli studenti presso:

- la Sede di Civitavecchia, Aula Professori;
- la Sede di Viterbo, DEB Blocco C Studio 0.19;

su appuntamento prenotato via mail: piscopo@unitus.it