Scheda Insegnamento: Sicurezza del lavoro in agricoltura A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI (LM-69)
  • Codice: 15160
  • Crediti: 6
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 2
  • Erogazione: II semestre
  • Docente: MASSIMO CECCHINI

Programma

A) OBIETTIVI FORMATIVI
L'insegnamento sarà orientato alla risoluzione di problemi, all'analisi ed alla valutazione dei rischi, alla pianificazione di idonei interventi di prevenzione e protezione, ponendo attenzione all'approfondimento in ragione dei differenti livelli di rischio. Consentirà l'acquisizione di conoscenze/abilità per:
- individuare i pericoli e valutare i rischi presenti negli ambienti di lavoro del comparto, compresi i rischi ergonomici e stress-lavoro correlato;
- individuare le misure di prevenzione e protezione specifiche per il comparto, compresi i DPI, in riferimento alla specifica natura del rischio e dell'attività lavorativa;
- contribuire ad individuare adeguate soluzioni tecniche, organizzative e procedurali di sicurezza per ogni tipologia di rischio.

B) RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI
• Conoscenza e capacità di comprensione
Lo studente dovrà acquisire conoscenze e capacità di comprensione relative ai fattori di rischio presenti nelle aziende agricole, forestali e della pesca e alla normativa di riferimento.

• Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Lo studente dovrà acquisire le capacità di applicare le conoscenze teoriche degli argomenti trattati nel corso con senso critico per la valutazione dei rischi e l'individuazione delle opportune misure di prevenzione e protezione in conformità alle norme vigenti.

• Autonomia di giudizio
Lo studente dovrà essere in grado di individuare i pericoli, valutare i rischi e proporre le opportune misure di prevenzione e protezione, in modo il più possibile obiettivo e senza lasciarsi influenzare da portatori di interesse.

• Abilità comunicative
Lo studente dovrà essere in grado di comunicare a terzi (datori di lavoro, clienti quali aziende agricole, imprese forestali, ecc.), in modo efficace, le informazioni relative ai rischie ed alle relative misure di prevenzione e protezione da adottare, motivandone le scelte.

• Capacità di apprendimento
Gli argomenti saranno trattati in modo da stimolare la volontà di apprendimento, nella logica di sviluppare la conoscenza in modo graduale, dai rischi per la sicurezza a quelli per la salute a quelli trasversali. La stessa logica viene richiesta nella realizzazione di una tesina o presentazione che sarà presa in considerazione nella valutazione dell’apprendimento.

C) PROGRAMMA
Didattica frontale: 40 ore
Tecniche specifiche di valutazione dei rischi e analisi degli incidenti.
Ambiente e luoghi di lavoro.
- Ambienti di lavoro nei settori agricolo, zootecnico, della silvicoltura e ittico
Rischio incendio e gestione delle emergenze:
- ATEX
Rischi infortunistici:
- Macchine impianti e attrezzature agricole e forestali e attrezzature di lavoro e a bordo
- Rischio elettrico
- Rischio meccanico
- Movimentazione merci: apparecchi di sollevamento e attrezzature per trasporto merci
- Cadute dall'alto (a bordo e fuori bordo)
Rischi di natura ergonomica e legati alla organizzazione del lavoro:
- Movimentazione manuale dei carichi
- Attrezzature munite di videoterminali
Rischi di natura psico-sociale:
- Stress lavoro-correlato
- Fenomeni di mobbing e sindrome da burn-out
Agenti fisici:
- Rumore e vibrazioni nei settori agricolo, forestale e ittico.
- Atmosfere iperbariche.
Agenti chimici, cancerogeni e mutageni, amianto:
- Esposizione ad agenti chimici, cancerogeni e biologici utilizzati in agricoltura
Agenti biologici.
Rischi connessi ad attività particolari:
- Ambienti confinati e/o sospetti di inquinamento
- Attività su strada
- Gestione rifiuti
Rischi connessi all'assunzione di sostanze stupefacenti, psicotrope ed alcol.
Organizzazione dei processi produttivi.
Dispositivi di protezione individuali
Normativa CEI per strutture e impianti del settore agricolo, zootecnico e della pesca.

Esercitazioni: 8 ore
N. 2 visite presso l'Azienda Agraria Didattico Sperimentale con analisi della sicurezza delle macchine e degli ambienti di lavoro
N. 2 esercitazioni in aula per la valutazione del rischio da rumore, da vibrazioni e/o da movimentazione manuale dei carichi
N.B.: L'insegnamento "Sicurezza del lavoro in agricoltura" rilascia l'attestato del modulo B, per il settore di specializzazione SP 1 (agricoltura, silvicoltura e pesca), per Addetti e Responsabili dei Servizi di Prevenzione e Protezione aziendali (previo frequenza obbligatoria ad almeno il 90% delle ore). Per coloro che non fossero interessati al rilascio dell'attestato la frequenza delle lezioni è facoltativa.

Testi consigliati

Cecchini M., Monarca D., CD Rom "Sicurezza del lavoro in agricoltura" (disponibile on-line al link: https://moodle.unitus.it/moodle/course/view.php?id=93)

Propedeuticità

Conoscenza di base della normativa in materia di sicurezza e salute sul lavoro (D.Lgs. 81/2008). Questa può essere acquisita, ad esempio, nel corso "Meccanizzazione forestale e sicurezza" (Prof. D. Monarca).

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 48

Valutazione del profitto

Prova in itinere, prova orale, prova pratica

Descrizione dei metodi di accertamento

La prova in itinere consisterà nello svolgimento di un problema pratico relativo ad uno specifico fattore di rischio.
Il candidato dovrà illustrare un fattore di rischio, precedentemente assegnato, mediante una tesina in Word e/o una presentazione in Power Point. In particolare dovrà relazionare su: - descrizione del pericolo; - effetti sugli operatori; - modalità di valutazione del rischio; - normativa di riferimento; - mitigazione o bonifica del rischio (prevenzione e protezione). Altre due domande spazieranno su tutto il programma del corso. La presentazione sul fattore di rischio e le due domande saranno valutate con un punteggio da 0 a 10. Il voto finale sarà dato dalla somma delle tre singole votazioni.
Per l’attribuzione del voto si terrà conto del livello di conoscenza dei contenuti dimostrato e della capacità di applicare i concetti appresi; saranno prese in considerazione anche la capacità di sintesi e la proprietà di linguaggio.
In situazioni critiche, come ad esempio un’elevata numerosità nella prenotazione dei candidati, o peculiarità di uno o più candidati, l'esame potrà essere svolto in forma scritta con due domande a risposta aperta, e la risoluzione di un caso pratico. Ai candidati sarà concessa un'ora e mezzo di tempo per rispondere. Inoltre, su richiesta dei singoli studenti, è possibile comunque sostenere l'esame in forma scritta o orale, a prescindere da quanto riportato nell'appello ufficiale.
Si applicheranno, in ogni caso, gli stessi criteri di valutazione precedentemente descritti.

Luogo lezioni

Ex Facoltà di Agraria
via San Camillo de Lellis snc
Viterbo

Orario lezioni

come da orario pubblicato sul sito

Comunicazioni

martedì ore 11.00 - 13.00 (in caso di concomitanza con orario di lezioni il ricevimento sarà anticipato il martedì dalle 9.00 alle 11.00)