Scheda Insegnamento: Bioindicatori A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: CONSERVAZIONE E RESTAURO DELL' AMBIENTE FORESTALE E DIFESA DEL SUOLO (LM-73)
  • Codice: 15433
  • Crediti: 6
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 1
  • Erogazione: II semestre
  • Docente: ROMOLO FOCHETTI

Programma

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso introduce all'utilizzo di popolazioni, specie e comunità di viventi (con particolare riferimento a quelle animali) come bioindicatori. Vengono forniti strumenti conoscitivi per una corretta scelta di descrittori di naturalità o di compromissione in ambienti terrestri o acquatici. Viene inoltre approfondita l'applicazione di indici biotici, soprattutto in riferimento alle normative europee e nazionali che regolano la valutazione e il monitoraggio di qualità ambientale, anche attraverso esercitazioni pratiche sul campo e in laboratorio.


RISULTATI APPRENDIMENTO ATTESI
Nella valutazione dello studente si terrà conto del livello di conoscenza degli argomenti trattati, della capacità di analisi e di applicare le conoscenze acquisite nonché dell'autonomia di giudizio. Si terrà conto inoltre della capacità di sintesi, della padronanza di espressione e comunicazione e della capacità di effettuare collegamenti all'interno della disciplina o interdisciplinari.



PROGRAMMA

Bioindicatori AA 2016/2017
-L’inquinamento: definizioni, tipologie di inquinanti, effetti, reversibilità.
-La valutazione della qualità ambientale. Gli indici di diversità/similarità. Indicatori biologici. Il monitoraggio biologico.(1CFU)

-Biologia delle acque interne. I fattori che governano la vita nelle acque dolci. Classificazione delle acque correnti e tipologie di acque stagnanti. Gli adattamenti degli organismi degli ambienti reici e degli ambienti lentici. Identificazione, tassonomia e sistematica dei principali gruppi di macroinvertebrati delle acque lentiche e lotiche. Le comunità delle acque correnti e stagnanti: struttura, composizione, articolazione trofico-funzionale. L’eutrofizzazione.
Teorie ecologiche fluviali e zonazioni longitudinali: il “River continuum”, la teoria del “Patch mosaic”, la teoria del “Biome dependent”, l”habitat templet theory” ecc. - La tipizzazione dei corsi d’acqua italiani.
Indicatori biologici e indici biotici della qualità delle acque correnti.
Indicatori biologici e indici biotici della qualità delle acque stagnanti.
Indicatori sistemici di qualità: struttura e composizione delle comunità macrobentoniche, articolazione trofico-funzionale. Problematiche di protezione, conservazione e valorizzazione degli ambienti di acque interne, con particolare riferimento alla fauna vertebrata e invertebrata.
Gli obiettivi di qualità nella gestione delle acque correnti: casi di studio. (3CFU)

-Indicatori della qualità del suolo. Gli organismi del suolo. Identificazione, tassonomia e sistematica dei principali gruppi. Adattamenti degli organismi del suolo. L’indice di qualità biologica del suolo (QBS).
-Indicatori di integrità di cenosi terrestri.
-Indicatori di qualità dell’ambiente marino.
-Biomonitoraggio della qualità degli ambienti terrestri attraverso l'analisi della componente ornitica (FBI, WBI, MPBI).
-Applicazione di indici ispirati ai principi della landscape ecology (es. RCE, IFF).
-Tossicità, bioaccumulo e biomagnificazione. Test di tossicità e bioaccumulo.
- Legislazione europea e nazionale sul monitoraggio della qualità ambientale.
- I metodi di campionamento (2CFU)

- Esercitazioni sul campo
- Esercitazioni in laboratorio per il riconoscimento dei bioindicatori di qualità ambientale

Testi consigliati

Testi consigliati
ARPA Piemonte. Tecniche di biomonitoraggio della qualità del suolo. (110 pp.)

Fondazione Lombardia per l'ambiente: Bioindicatori ambientali. (376 pp.)

Fenoglio S., Bo T. Lineamenti di ecologia fluviale.Ed. Cittàstudi.

Dispense ed articoli specialistici forniti dal docente

Propedeuticità

nessuna

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 48

Valutazione del profitto

Prova orale

Descrizione dei metodi di accertamento


La prova orale si articola in genere sulla trattazione di due argomenti: vengono accertate le conoscenze in relazione al programma trattato, la capacità di analisi, la padronanza di espressione e l'acquisizione di un linguaggio specifico, relativo alla materia.

Luogo lezioni

Ex Facoltà di Agraria
via San Camillo de Lellis snc
Viterbo

Orario lezioni

come da orario sul sito

Comunicazioni

Il docente e’ sempre a disposizione degli studenti compatibilmente con i suoi impegni. E' preferibile contattarlo a fochetti@unitus.it per concordare il colloquio