Scheda Insegnamento: ECOLOGIA A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: ECONOMIA AZIENDALE (L-18)
  • Codice: 16949
  • Crediti: 8
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 3
  • Erogazione: II semestre
  • Docente: A CONTRATTO DOCENTE

Programma

Modulo A
Generalità: lo sviluppo storico dell’ ecologia – L’ ecologia e il suo dominio – Stato attuale della ricerca ecologica in Italia. Ecologia delle relazioni organismi-ambiente fisico: condizioni – variazioni spaziali e temporali – adattamenti in risposta alle variazioni delle condizioni ambientali – fattori limitanti – range di tolleranza – optimum ambientale – ritmi biologici – fattori ed elementi climatici – classificazione dei climi – fasce e zone fitogeografiche – cenni di paleoclimatologia – il suolo (fase solida, fluida e gassosa) – cenni di pedogenesi – classificazione dei suoli – humus – attività biologica del suolo. Ecologia evolutiva: analisi genetica delle popolazioni – legge di Hardy-Weinberg c– variabilità genetica – forze evolutive (mutazioni, selezioni, flusso genetico, deriva genetica) – inincrocio – effetto Wahlund – polimorfismo bilanciato – linkage disequilibrium – supergeni – divergenza genetica – concetto di specie – meccanismi di isolamento riproduttivo – meccanismi di speciazione – zone ibride e rinforzo – specie gemelle – biodiversità a livello genetico. Ecologia di popolazione (demografia e dinamica): struttura ed accrescimento di popolazione – parametri demografici – tabelle demografiche – tasso intrinseco di accrescimento – regolazione numerica delle popolazioni – fattori di regolazione densità indipendenti e densità dipendenti – accrescimento esponenziale – capacità portante della’ ambiente – curva logistica di accrescimento. Ecologia di popolazione (relazioni interspecifiche): simbiosi facoltativa ed obbligatoria – commensalismo – inquinilismo – antibiosi – parassitismo – adattamenti alla vita parassitaria – coevoluzone – predazione – predazione come fattore di regolazione numerica delle popolazioni – adattamenti contro la predazione – criptismo – mimetismo – competizione intraspecifica – competizione interspecifica – nicchia ecologica – competizione interspecifica come fattore di regolazione numerica delle popolazioni – principio di esclusione competitiva – spostamento dei caratteri – selezione r e K
Modulo B
Ecologia di comunità: biomassa (definizione, metodi di studio, distribuzione, accumulo) – comunità biotiche (comunità chiuse e aperte, metodi di campionamento, analisi della composizione, associazioni vegetali) – relazioni trofiche e funzionali delle comunità – comunità insulari – biogeografia delle isole – successioni (cause, fasi e stadi, climax) – successioni lineari e cicliche – successioni nelle comunità planctoniche – esempi di successioni in Italia – variazioni paleoclimatiche e dinamica delle comunità – biodiversità a livello delle comunità (in relazione a: successioni, climax, nicchia ecologica). Ecologia ecosistemica; Processo di fotosintesi – produttività primaria e fattori limitanti – metodi di misurazione della produttività primaria – produttività primaria nei diversi ecosistemi – piramidi ecologiche – produttori primari, consumatori, decompositori – flusso di energia negli ecosistemi – cicli biogeochimici (acqua, carbonio, idrogeno, ossigeno, azoto, fosforo, zolfo) – esempi di ecosistemi terrestri ed acquatici. Cenni di ecologia applicata: gestione delle risorse naturali - valutazione di impatto ambientale – recupero e conservazione di ecosistemi a rischio

Testi consigliati

L. Bullini, S. Pignatti, A Virzo De Santo, “Ecologia Generale”. UTET
E. Edum, “Basi di Ecologia”, Piccin Editore.

Propedeuticità

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 48

Valutazione del profitto

Prova orale

Descrizione dei metodi di accertamento

Luogo lezioni

Orario lezioni

Comunicazioni