Scheda Insegnamento: Sistemi agrari A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: PIANIFICAZIONE E PROGETTAZIONE DEL PAESAGGIO E DELL'AMBIENTE (L-21)
  • Codice: 17498
  • Crediti: 10
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 1
  • Erogazione: II semestre
  • Docente:A CONTRATTO DOCENTE

Modulo : 1 Cfu(5)

Programma

Cenni di Agro-climatologia.
Cenni sulle proprietà chimiche e fisiche del suolo.
Cenni sulle sistemazioni, lavorazioni, irrigazione e fertilizzazione del suolo.
Cenni su consociazione, rotazione e avvicendamento colturale e controllo delle erbe infestanti.
Definizioni e struttura dei sistemi colturali.
Il paesaggio come sistema complesso adattativo: complessità, informazione, sostenibilità e stati.
Caratteristiche dei sistemi gerarchici del paesaggio come livello dell’organizzazione territoriale.
Strutture del paesaggio: eterogeneità, diversità, ecotoni, ecotopi, edificazioni, ecc..
Analisi del paesaggio e caratteristiche metodologiche di approccio.
Importanza delle colture erbacee nel territorio.
Nozioni di base e itinerari tecnici di alcune specie: cerealicole (frumento, orzo, mais), leguminose da granella (Cece, pisello, fava), oleoproteaginose (girasole, colza, soia), foraggere (medica, trifogli), colture di copertura.

Testi consigliati

- Giardini L., 2003. A Come Agronomia. ed. Patron editore
- Baldoni R., Giardini L., (a cura di), 2000. Coltivazioni erbacee. Vol. I - Cereali e proteaginose. III ed. Pàtron Editore.
- Baldoni R., Giardini L., (a cura di), 2000. Coltivazioni erbacee. Vol. II - Piante oleifere, da zucchero, da fibra, orticole e aromatiche. III ed. Pàtron Editore.
- Baldoni R., Giardini L., (a cura di), 2000. Coltivazioni erbacee. Vol. III - Foraggere e tappeti erbosi. III ed. Pàtron Editore
- Appunti delle lezioni, Materiale didattico fornito durante il corso, articoli scientifici specifici.

Propedeuticità

Conoscenze di base consigliate in Ecologia, Botanica, Chimica

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 35

Valutazione del profitto

Prova orale

Descrizione dei metodi di accertamento

La valutazione verterà sull'accertamento della conoscenza dei contenuti, capacità applicative dei concetti teorici, capacità di analisi e collegamenti interdisciplinari, capacità di senso critico e di formulare giudizi, padronanza di espressione ed esposizione.

Luogo lezioni

Orario lezioni

Come da orario pubblicato sul sito

Comunicazioni




  • Corso di Laurea: PIANIFICAZIONE E PROGETTAZIONE DEL PAESAGGIO E DELL'AMBIENTE (L-21)
  • Codice: 17498
  • Crediti: 10
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 1
  • Erogazione: II semestre
  • Docente:RITA BIASI

Modulo : 2 Cfu(5)

Programma

Obiettivi formativi
Il corso si propone di fornire conoscenze di base sui sistemi arborei partendo dalla conoscenza del sistema biologico ‘albero’ inteso come singolo esemplare e come parte integrante di un agro-ecosistema. Attraverso la conoscenza delle basi della biologia e fisiologia dello sviluppo, dell’interazione pianta-ambiente, inteso sia come atmosfera che come suolo, e la comprensione dei principi della tecnica colturale, si vuole fornire un quadro di riferimento delle principali problematiche insite nella gestione dei sistemi arborei e le migliori strategie per poter conciliare produttività delle colture, qualità delle produzioni, sostenibilità ambientale e salvaguardia del paesaggio.
Risultati apprendimento attesi
CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE - Aver appreso la conoscenza del ciclo agro-fenologico delle specie legnose di interesse agrario, della struttura organizzativa e dei principi di funzionamento dell’agro-ecosistema arboreo. Aver appreso le principali tecniche di gestione del sistema arboreo e le strategie di contenimento dell’impatto negativo sulle risorse ambientali, dalla biodiversità, alla fertilità del suolo, alla qualità dell’atmosfera e il paesaggio.
CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE - Avere una conoscenza dei sistemi arborei, e agrari in generale, tale da consentire l’applicazione dei concetti appresi nelle attività di lettura e analisi del territorio e del paesaggio e della progettazione e pianificazione ambientale e del paesaggio. AUTONOMIA DI GIUDIZIO - Essere in grado di interpretare e valutare la qualità dei diversi sistemi arborei caratterizzanti il territorio di riferimento e di proporne la riproduzione nel progetto degli spazi aperti.CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO - Essere in grado di descrivere e spiegare aspetti diversi dell’agroecosistema arboreo (organizzazione, funzionamento, gestione). Tale abilità verrà sviluppata mediante il coinvolgimento attivo degli studenti attraverso discussioni orali in aula durante le lezioni frontali.
Argomenti specifici del programma:
1CFU Inquadramento colturale e ambientale delle specie legnose di interesse agrario nel Mediterraneo e in Italia.
Principi di biologia dell’albero da frutto, sistema biologico integrato di organi e funzioni; correlatività di sviluppo degli organi, ciclo vegeto-produttivo dell’albero e fenologia. L’ agro-biodiversità: panorami varietali e cenni agli obiettivi e metodologie del miglioramento varietale. Le specie minori e selvatiche.

1 CFU Architettura del frutteto e degli agroecosistemi - Architettura delle piante arboree, determinismo della forma, determinismo della dimensione, forme degli alberi in arboricoltura. Criteri di progettazione e di impianto: diversità strutturale e funzionale delle principali tipologie di sistemi arborei (estensivi, intensivi; specializzati, promiscui; moderni, tradizionali).

1 CFU Relazione sistemi arborei-ambiente. Concetto di vocazionalità ambientale e cenni di eco-fisiologia delle piante arboree. Ruolo dei fattori ambientali (clima-suolo) nello sviluppo dell’albero da frutto e nella qualità delle produzioni; adattamento ai cambiamenti climatici e ruolo di mitigazione dei cambiamenti climatici. Colture in pieno campo e colture protette.

1 CFU L’uso delle risorse ambientali (acqua, elementi della fertilità del suolo, luce) nella tecnica colturale: principali tecniche di gestione del suolo e d’uso della risorsa acqua in arboricoltura. Impatto delle coltivazioni sulla salubrità dell’ambiente: uso di bioregolatori, agro-farmaci, concimi. Modelli di produzione convenzionali, sostenibili, biologici.

1 CFU Relazione sistemi arborei-paesaggio. La multifunzionalità dei sistemi arborei. Definizione del concetto di paesaggio agrario e di terroire. Cenni sull’evoluzione del paesaggio dell’albero da frutto e implicazioni sulla qualità dell’ambiente. Definizione del rapporto produzioni di qualità (DOP, IGP) e territorio; il paesaggio come valore aggiunto delle produzioni. I nuovi paesaggi dell’arboricoltura nello spazio urbano. Il paesaggio delle grandi colture arboree italiane: il comparto della frutticoltura (actinidia, drupacee, pomacee, castagno, noce, nocciolo, agrumi), dell’olivicoltura e della viticoltura.

Testi consigliati

Materiale didattico a cura del docente e materiale bibliografico integrativo.
Sansavini S. (a cura di), 2007. Nuove frontiere dell’arboricoltura italiana. Oasi edizioni Perdisa, Bologna


Schemes and lesson’s layouts provided by the teacher.
Integrative bibliography (specific book’s extracts or report’s sections)

Propedeuticità

Consigliate: Ecologia e botanica ambientale; Chimica ambientale.

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 35

Valutazione del profitto

Prova scritta, prova orale

Descrizione dei metodi di accertamento

La prova di accertamento è scritta e conterrà una serie di domande aperte (da 3 a 5) volte ad accertare la conoscenza teorica degli argomenti trattati nel programma e illustrati nelle lezioni frontali. Le domande avranno come obiettivo la verifica degli obiettivi di apprendimento e potranno riguardare qualsiasi argomento trattato nel corso. Saranno oggetto di verifica anche l’acquisizione delle conoscenze oggetto delle escursioni e visite tecniche in esterno. La prova scritta avrà la durata di 60. Alla prova scritta viene data una valutazione in trentesimi. La prova scritta viene svolta contestualmente alla prova scritta del modulo di Sistemi erbacei, secondo le modalità stabilite nella scheda insegnamento. Per la sufficienza è indispensabile che lo studenti dimostri di conoscere gli argomenti del corso, ma anche di essere in grado di correlare fra loro tutti gli aspetti trattati e le nozioni acquisite, secondo un approccio integrato di conoscenze. The final exam is based on a written test consisting in open questions (3-5) aiming the assessment of the topics of the course and the subjects of each lesson. Object of evaluation will be also the information acquired during filed trips, technical excursions or on-field lessons. The written exam will last 60 minutes and the score will be expressed in thirty. The written exam will be held together with the exam of the herbaceous agro-ecosystem following the procedure described in this’ course page. The exam is passed only if the student has proved to know the topics of the programme, and also to be able to integrate the different information in a logic framework.

Luogo lezioni

Orario lezioni

Come da orario pubblicato sul sito

Comunicazioni

Primo semestre
Mercoledì 10.00-13.00
Il docente riceve presso il proprio studio nella sede dell'Università della Tuscia.
Altri giorni su appuntamento anche presso la sede dell'Università Sapienza di Roma, Facoltà di Architettura.


Secondo semestre
Lunedì 11.30-12.30
Il docente riceve presso la sede della Facoltà di Architettura, piazza Borghese.
Altri giorni su appuntamento anche presso la sede dell'Università della Tuscia.