Scheda Insegnamento: Laboratorio di pianificazione del paesaggio 2 A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: PIANIFICAZIONE E PROGETTAZIONE DEL PAESAGGIO E DELL'AMBIENTE (L-21)
  • Codice: 17513
  • Crediti: 11
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 2
  • Erogazione: II semestre
  • Docente:ANTONIO LEONE

Modulo : 1 Cfu(6)

Programma

Obiettivo fondamentale del corso è quello di fornire agli studenti gli strumenti culturali e operativi per avere le basi della pianificazione territoriale, con particolare rilievo per le problematiche ambientali.
Principali tipologie di piano: urbanistico-territoriali, di bacino e di assetto idrogeologico, paesaggistico, di area protetta. Piani di gestione della rete Natura 2000.
I vincoli territoriali: idrogeologico e relativa legislazione nazionale e regionale. Vincoli ambientali e di pertinenza fluviale.

Valutazione di impatto ambientale, strategica e di incidenza di aree SIC e ZPS (VIA, VAS e VINCA).

Analisi dei processi territoriali
Il dettato normativo è inteso come spunto concreto che offre l’occasione di evidenziare i principali processi territoriali e ambientali che è necessario conoscere per fornire agli studenti strumenti e conoscenze per pianificare nei canoni della sostenibilità ambientale. Questo significa tutelare le risorse sociali e naturali attraverso il corretto uso del territorio e, conseguentemente, pianificare con l’approccio della prevenzione piuttosto che la cura di danni già verificatisi.
Esempi in tal senso sono: mitigazione del clima urbano attraverso ben precise strategie di greening; conseguente risparmio energetico e di emissioni di anidride carbonica in atmosfera; aumento della permeabilità del territorio per la difesa del suolo e della qualità delle acque.
Tali processi costituiranno anche occasione per la parte applicativa del corso, componente fondamentale, che si esplica nel tema d’anno assegnato ad ogni studente, con l’applicazione pratica delle suddette tematiche a specifici casi reali.
Il clima nella progettazione degli spazi aperti
Principali parametri meteo-climatici e relative banche dati: radiazione solare, temperatura, pressione atmosferica, vento, umidità dell’aria e pioggia. Microclimi della città e mitigazione degli estremi da parte del verde urbano.
Attività pratica
Redazione della carta dei vincoli e scenari progettuali di gestione del relativo territorio; impostazione di uno studio di impatto ambientale; servizi ambientali del verde urbano e territoriale: mitigazione del clima urbano, regolazione dei deflussi.

Risultati
a) far comprendere agli studenti il rapporto fra l’uso del territorio e l’ambiente.
b) Fornire gli strumenti di base per comprendere e padroneggiare le dinamiche di gestione del territorio.

Testi consigliati

• LEONE A. Ambiente e pianificazione. Analisi, processi, sostenibilità. Franco Angeli Editore.
• Appunti e siti internet forniti a lezione.

Propedeuticità

Nessuna

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 40

Valutazione del profitto

Prova orale, prova pratica

Descrizione dei metodi di accertamento

Colloquio orale. Verifica delle capacità di gestione di un progetto in rapporto all'organizzazione del territorio. Nell'ambito del colloquio si verifica, si accerta, da parte dello studente: a) grado di conoscenza dei contenuti e dei processi; b) capacità di analisi e capacità di applicazione dei concetti; c) senso critico e capacità decisionale autonoma nella gestione delle problematiche trattate (gestione delle problematiche ambientali del territorio).

Luogo lezioni

Orario lezioni

Come da orario pubblicato sul sito

Comunicazioni

Mercoledì: dalle ore 15:00 alle ore 18:00.
Causa partecipazione convegno, il ricevimento del giorno 08-3-2017 si terrà: 09-3-2017, ore 14:30-17:00.



  • Corso di Laurea: PIANIFICAZIONE E PROGETTAZIONE DEL PAESAGGIO E DELL'AMBIENTE (L-21)
  • Codice: 17513
  • Crediti: 11
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 2
  • Erogazione: II semestre
  • Docente:LUIGI PORTOGHESI

Modulo : 2 Cfu(5)

Programma

OBIETTIVI FORMATIVI
Conoscenza e comprensione delle funzioni economiche, sociali e ambientali che le foreste, bene paesaggistico riconosciuto dalla legge italiana, svolgono nell'equilibrato assetto di un territorio; conoscenza e la capacità di lettura dei contenuti dei diversi strumenti di pianificazione che riguardano le formazioni forestali, con speciale riguardo alla aree protette; capacità di applicare le conoscenze acquisite alla pianificazione ecologica di un paesaggio in ambito urbano-periurbano o rurale.
Produzione di un'ipotesi di pianificazione paesaggistica che contenga l'analisi svolta sul contesto territoriale oggetto del piano e le principali scelte e decisioni che il piano propone, sulla base di idonee motivazioni.
Presentazione e discussione dell'ipotesi di pianificazione prodotta, attraverso tavole contenenti in forma testuale, grafica e tabellare, anche con supporto multimediale, i risultati delle analisi svolte a supporto delle scelte compiute.
Attraverso lo sviluppo e la presentazione dell'ipotesi di piano lo studente dovrà dimostrare di possedere capacità critica, creatività nell'elaborazione di soluzioni di piano e nel modo di comunicarle, e capacità di collaborare all'inteno di un gruppo di lavoro.

PROGRAMMA
Il Territorio come sistema di sistemi naturali e antropici. Il concetto di pianificazione ecologica del territorio. I fattori ecologici che condizionano la vita del bosco.
Il bosco come risorsa economica e il bosco come sistema complesso.
Principali statistiche sui boschi italiani e europei.
Il concetto di gestione forestale sostenibile: definizione e evoluzione nel tempo.
Le funzioni del bosco: produzione legnosa, protezione dai pericoli naturali, conservazione della biodiversità, assorbimento del carbonio, ricreazione, paesaggio.
Obiettivi della pianificazione forestale e loro evoluzione nel tempo.
Scale territoriali della pianificazione forestale (regionale, comprensoriale, aziendale)
Gli attori della pianificazione forestale. Approccio tecnocratico e partecipato alla pianificazione.
Le fasi della pianificazione, gli strumenti della pianificazione.
Cenni di legislazione forestale inerente la pianificazione dei boschi.
Le parti di un piano forestale: descrizione del territorio oggetto del piano, definizione degli obiettivi del piano, scelte e decisioni di piano, revisione del piano.
Importanza dei Sistemi Informativi Territoriali per la pianificazione forestale.
Cenni sui Sistemi di supporto alle decisioni applicati alla pianificazione forestale.
Rapporti tra pianificazione forestale e altri strumenti di pianificazione territoriale e del settore ambientale.
Le aree protette in Italia. La legge sulle aree protette. Classificazione delle aree protette. Strumenti di gestione delle aree protette. La pianificazione forestale nelle aree protette.
La rete Natura 2000. Le direttive europee Habitat e Uccelli. Siti di Importanza Comunitaria e Zone di Protezione Speciale. La gestione delle aree Natura 2000. La pianificazione forestale nelle aree Natura 2000.
Valutazione di incidenza ambientale (VINCA) e Valutazione Ambientale Strategica (VAS): definizione e applicazione alla pianificazione forestale.

Testi consigliati

Corona P., Barbati A., Portoghesi L., 2005 - Pianificazione ecologica dei sistemi forestali. Compagnia delle foreste, Arezzo, pp. 206.
Il docente mette a disposizione degli studenti i file con le diapositive utilizzate durante le elzioni e alcuni articoli e testi tecnici utili per lo sviluppo della parte applicativa del corso. Il materiale didattico può essere scaricato sul sito del corso.
Chi non può seguire le lezioni può utilizzare il testo consigliato e il materiale didattico messo a disposizione dal docente e contattare il docente stesso per avere indicazioni su come sviluppare l'ipotesi di pianificazione del paesaggio prevista per il superamento dell'esame.

Propedeuticità

Nessuna propedeuticità è prevista. Tuttavia, ai fini della comprensione delle lezioni e del raggiungimento degli obiettivi formativi sono necessarie le conoscenze acquisibili nei corsi di Ecologia e botanica ambientale, laboratorio di pianificazione del paesaggio 1, cartografia e geomatica, Ecosistemi forestali.

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 35

Valutazione del profitto

Prova orale, prova pratica

Descrizione dei metodi di accertamento

La prova di accertamento è orale e consiste nella discussione di due argomenti trattati nel corso, e nella presentazione e discussione dell'ipotesi di pianificazione paesaggistica sviluppata dallo studente, individualmente o in gruppo. L'obiettivo della prova è quello di verificare in che misura (insufficiente, sufficiente, buona, eccellente) lo studente ha compreso quali sono le principali funzioni svolte dalle foreste nel territorio e conoscere i contenuti degli strumenti di pianificazione forestale che riguardano i boschi e le altre formazioni forestali, con speciale riguardo alle aree protette. Viene anche valutata l'ipotesi di pianificazione paesaggistica sviluppata dallo studente individualmente o in gruppo. La valutazione del lavoro pratico (insufficiente, sufficiente, buono, eccellente) sarà compiuta in base alla originalità delle soluzioni proposte, la congruenza tra analisi svolte nel contesto territoriale e soluzione proposta, capacità di comunicare con efficacia il lavoro svolto. Il voto finale risentirà di entrambe le valutazioni (argomenti del corso e ipotesi di pianificazione sviluppata) in misura del 50% ciascuna,

Luogo lezioni

Orario lezioni

Come da orario pubblicato sul sito

Comunicazioni

Il Prof. Luigi Portoghesi riceve su richiesta degli studenti in giorni e ore da concordarsi al termine delle lezioni in aula, scrivendo una e-mail all'indirizzo lporto@unitus.it o telefonando allo 0761357406.