Scheda Insegnamento: PRAGMATICA DEI LINGUAGGI POLITICI E PUBBLICI A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: SCIENZE DELLA POLITICA, DELLA SICUREZZA INTERNAZIONALE E DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA (LM-62)
  • Codice: 17834
  • Crediti: 8
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 2
  • Erogazione: I semestre
  • Docente: RAFFAELLA PETRILLI

Programma

Il corso presenta le strutture pragmatiche e argomentative dei discorsi sociali (discorso dell'informazione, della politica, del diritto, della scienza etc.), utilizzando le nozioni della pragmatica contenmporanea quali: il significato come uso, la soggettività nel linguaggio manifestata dai dispositivi della costruzione del senso (presupposizioni, implicature, metafore, linguaggio "di genere"), il contesto, lo scopo del discorso e il "genere discorsivo" (persuadere, descrivere e informare, analizzare etc.), le strutture argomentative.
La diversa struttura dei tipi discorsivi e la loro realizzazione sarà studiata e analizzata attraverso numerosi esempi, e soffermandosi in particolare sul discorso politico (anche tenendo presente i diversi mezzi di comunicazione) e sul discorso giuridico.

Risultati di apprendimento
a) Acquisire la conoscenza approfondita de concetti fondamentali della pragmatica: significato del parlante, significato dell’interlocutore, atti linguistico, espressione della soggettività nel linguaggio, contesto, dispositivi argomentativi (costruzione e comprensione), generi discorsivi.
b) Sviluppare la capacità di lettura critica e di interpretazione delle modalità discorsive utilizzate nei diversi settori della comunicazione sociale.
d) Assicurare il possesso di competenze applicative e strumenti metodologici, che permettono di valutare e gestire la variazioni delle modalità discorsive, dei contesti e quindi degli strumenti adeguati al raggiungimento degli scopi della comunicazione.

Testi consigliati

R. LAKOFF, «La logica della cortesia ovvero, bada a come parli» in Gli atti linguistici, a cura di M. Sbisà, Feltrinelli, Milano 1995 (ISBN 88-07-10071-1), pp. 220-239.

R. PETRILLI (a cura di), «La lingua politica», Roma, Carocci, 2015

R. PETRILLI, L'interazione simbolica, Perugia, Guerra, (incorso di stampa)

R. GUALDO, R. PETRILLI, Diritto, Linguaggio e Letteratura, Perugia, Guerra, 2013

Propedeuticità

Semiotica dei media

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 48

Valutazione del profitto

Prova scritta, prova orale, esercitazioni

Descrizione dei metodi di accertamento

La valutazione del profitto è realizzata mediante una prova in itinere facoltativa e un esame finale obbligatorio.

La prova facoltativa in itinere consiste in una esercitazione di autovalutazione, riservata agli studenti che abbiano frequentato regolarmente le lezioni. L’esercitazione richiede di applicare le nozioni presentate nella parte espositiva del corso all’analisi di discorsi appartenenti a uno dei tre generi studiati, e permette allo studente di testare il livello della propria comprensione degli argomenti del corso. Il buon risultato dell’esercitazione concorre al voto dell’esame finale.
L'esame finale obbligatorio si svolge nelle forme stabilite dall’art. 23 del Regolamento Didattico di Ateneo. L’esame consiste in una prova scritta seguita da un colloquio orale. la prova scritta consisterà nel rispondere a tre domande, che lo studente sceglierà tra dieci proposte al momento dell'esame. Avrà a disposizione 45 minuti. Sucessivamente, le risposte fornite per iscritto saranno esaminate e valutate nel colloquio successivo alla consegna.
Per i soli studenti frequentanti: l'esito positivo dell'esercitazione svolta durante il corso è valutabile ai fini del voto finale.
Nella valutazione delle prove e nell'attribuzione del voto finale si terrà conto: del livello di conoscenza dei contenuti, della capacità di applicare i concetti teorici a esempi concreti, della capacità di analisi, sintesi e collegamenti interdisciplinari, della capacità di senso critico dimostrata dallo studente e della padronanza del lessico tecnico della disciplina.

Luogo lezioni

Dipartimento Distu - Via San Carlo, 32 - Viterbo

Orario lezioni

Il calendario delle lezioni sarà pubblicato nel I semestre dell'aa 2017/18

Comunicazioni

AVVISO - RICEVIMENTO
prof. Raffaella Petrilli

Il prossimo ricevimento per il mese di DICEMBRE 2108 è fissato per Venerdì 21, ore 14:00-15:00








AVVISO

A causa delle difficoltà ad aggiornare le informazioni on line, dovute all'aggiornamento della piattaforma di Ateneo, riporto qui il programma d'esame del Corso di Pragmatica dei Linguaggi politici e pubblici (LM 62), per l'a.a. 2018-19:


1) R. PETRILLI, Dispensa delle Lezioni di Pragmatica dei linguaggi politici e pubblici – anno accademico 2018-19 (non è la stessa dell’anno scorso e è disponibile in fotocopia presso la Biblioteca del San Carlo ,e in PDF su Moodle).

2) H. P. GRICE, «Logica e conversazione», in Gli atti linguistici, a cura di M. Sbisà, Feltrinelli, Milano 1995 (ISBN 88-07-10071-1), pp. 199-219 (è disponibile in fotocopia presso la Biblioteca del San Carlo e in PDF su Moodle).

3) R. LAKOFF, «La logica della cortesia, ovvero bada a come parli», in Gli atti linguistici, a cura di M. Sbisà, Feltrinelli, Milano 1995, pp. 220-239 (è disponibile in fotocopia presso la Biblioteca del San Carlo e in PDF su Moodle).

4) R. PETRILLI (a cura di), La lingua politica. Lessico e strutture argomentative, Roma, Carocci, 2015.








RICEVIMENTI

Martedì 11 Settembre, ore 10-11

Giovedì 20 Settembre, ore 12-13


OTTOBRE

Giovedì 4 Ottobre ore 15-16

A partire dal 9 Ottobre, il ricevimento si svolge ogni martedì' alle ore 14.00.