Scheda Insegnamento: AMBIENTE, TERRITORIO E SVILUPPO ECONOMICO A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: SCIENZE DELLA POLITICA, DELLA SICUREZZA INTERNAZIONALE E DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA (LM-62)
  • Codice: 17837
  • Crediti: 8
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 2
  • Erogazione: II semestre
  • Docente: GIACOMO BRANCA

Programma

ATTENZIONE! IL MATERIALE DIDATTICO SI TROVA SUL SITO DEL CORSO, ACCESSIBILE ATTRAVERSO LA PIATTAFORMA UNITUS MOODLE.

1. Il concetto di ruralitá e ruolo dell’agricoltura
2. Elementi di teoria dello sviluppo rurale: obiettivi, principi ed istituzioni
3. Sicurezza alimentare, povertá e migrazioni, globalizzazione e mercati internazionali
4. Turismo rurale, micro-credito e ruolo delle donne nello sviluppo rurale
5. Politiche agricole e sviluppo rurale sostenibile;
6. Le strategie in materia di governance e sviluppo rurale (approcci bottom up e top down)
7. Nuovi orientamenti in materia di sviluppo rurale;
8. I principali attori internazionali dello sviluppo rurale
9. Casi studio: progetti di sviluppo rurale nei Paesi in via di sviluppo

Testi consigliati

a) Green G.P. (ed). 2013. Handbook of Rural Development. Cheltenham, U.K. and Northampton, Massachusetts: Edward Elgar. 358 + xix. ISBN: 978-1-78100-670-2
b) Kristof Van Assche and Anna-Katharina Hornidge (2015). Rural development: Knowledge and expertise in governance. Pages: 396. ISBN: 978-90-8686-256-6. DOI: http://dx.doi.org/10.3920/978-90-8686-812-4. Wageningen Academic Publishers.
c) Ellis F. (1992). Agricultural Policies in Developing Countries (Wye Studies in Agricultural and Rural Development). 1st Edition. ISBN-13: 978-0521395847
d) Stevens, R.D., C.L. Jabara. 1988. Agricultural Development Principles. Economic theory and empirical evidence. Baltimore and London: The Johns Hopkins University Press.
e) World Bank. Agriculture and Rural Development, www.worldbank.org/ard and http://www.microfinancegateway.org. Specifically: World Development report: Agriculture for Development, Overview.

Propedeuticità

Lingua e traduzione inglese; Economia dello sviluppo

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 48

Valutazione del profitto

Prova scritta, prova pratica

Descrizione dei metodi di accertamento

Esame scritto su tutti gli argomenti del programma e discussione in aula di un caso-studio.

L'esame si svolge nelle forme stabilite dall'art. 23 del Regolamento Didattico di Ateneo. Del suo svolgimento viene redatto apposito verbale, sottoscritto dal Presidente e dai membri della commissione e dallo studente esaminato. Il voto è espresso in trentesimi, con eventuale lode. Il superamento dell'esame presuppone il conferimento di un voto non inferiore ai diciotto/trentesimi e comporta l'attribuzione dei corrispondenti crediti formativi universitari. Nella valutazione delle prova e nell’attribuzione del voto finale si terrà conto: del livello di conoscenza dei contenuti dimostrato (superficiale, appropriato, preciso e completo, completo e approfondito), della capacità di applicare i concetti teorici (errori nell’applicare i concetti, discreta, buona, ben consolidata), della capacità di analisi, di sintesi e di collegamenti interdisciplinari (sufficiente, buona, ottima), della capacità di senso critico e di formulazione di giudizi (sufficiente, buona, ottima), della padronanza di espressione (esposizione carente, semplice, chiara e corretta, sicura e corretta).

Luogo lezioni

Dipartimento Distu - Via San Carlo, 32 - Viterbo

Orario lezioni

Il calendario delle lezioni sarà pubblicato nel II semestre dell'aa 2017/18

Comunicazioni

Durante il II semestre, il docente riceve gli studenti sia a Viterbo che a Civitavecchia, nei giorni di lezione, previo appuntamento da concordare via e-mail. In tutti gli altri periodi il ricevimento si svolgerà a Viterbo, sempre previo appuntamento da concordare via e-mail.

Tutte le informazioni relative ai corsi tenuti dal docente sono riportate nelle rispettive pagine dei singoli corsi accessibili attraverso la piattaforma Unitus Moodle. Gli studenti sono vivamente pregati di visitare la pagina dei corsi prima di chiedere informazioni via e-mail.