Scheda Insegnamento: Silviculture II and Wood products A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: SCIENZE FORESTALI E AMBIENTALI (LM-73)
  • Codice: 17852
  • Crediti: 12
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 1
  • Erogazione: II semestre
  • Docente:MAURIZIO SABATTI

Modulo : 1 Cfu(6)

Programma

1) OBIETTIVI FORMATIVI
Il corso fa parte del campo della conoscenza della gestione multifunzionale e sostenibile delle risorse forestali e dell'utilizzo di prodotti legnosi e non legnosi delle foreste. Il corso fornisce agli studenti la conoscenza della corologia, dell'ecologia e della selvicoltura delle principali specie forestali in Europa, nella prospettiva di applicare questa conoscenza alla gestione di sistemi territoriali complessi.

2) RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI
1. Conoscenza e capacità di comprensione.
Aver sviluppato nel corso delle lezioni le conoscenze relative alle caratteristiche delle principali formazioni forestali di ambiente Mediterraneo e temperato in una prospettiva integrata agli aspetti ecologici e selvicolturali. Capacità di comprendere le dinamiche evolutive dei sistemi forestali, sia quelle naturali che quelle indotte dall’uomo, in relazione agli obiettivi della gestione forestale sostenibile.
2. Conoscenza e capacità di comprensione applicate.
Capacità di applicare la conoscenza e la comprensione ai fini di definire criteri e modalità colturali per la gestione forestale adattativa delle formazioni forestali. Essere in grado di applicare metodologie per l'analisi e la pianificazione della gestione dei sistemi forestali a scala territoriale. Descrivere e fornire temi scientifici e applicativi inerenti le diverse problematiche legate alla gestione forestale.
3. Autonomia di giudizio.
Essere in grado di sviluppare capacità di collegamento interdisciplinare e discussione critica dei contenuti del corso. Sviluppare capacità di interpretazione e discussione critica di esperienze o risultati sperimentali nel settore forestale analoghi a quelli discussi a lezione.
4. Abilità comunicative.
Capacità di comunicare con chiarezza e convinzione le conoscenze selvicolturali acquisite nell’ambito corso o attraverso l’analisi di articoli scientifici o altre pubblicazioni del settore forestale. Tale abilità verrà sviluppata mediante il coinvolgimento attivo degli studenti attraverso discussioni in classe o nel corso delle esercitazioni sulle diverse problematiche forestali.
5. Capacità di apprendere.
Condizione di successo nell’apprendimento è la capacità di ricostruire e sintetizzare in modo autonomo le nozioni acquisite riguardo alle scienze forestali ed applicarle alla selvicoltura delle foreste Mediterranee e temperate.

3) PROGRAMMA
1. Introduzione e obiettivi del corso. Selvicoltura naturalistica e selvicoltura sostenibile: basi teoriche e principi applicativi. Effetti della selvicoltura sulle caratteristiche genetiche dei boschi. Risorse forestali in Europa: una prospettiva integrata su servizi ecosistemici, disturbi e minacce. Importanza della bioeconomia forestale in Europa.
2. Foreste europee: una panoramica ecologica. Fasce di vegetazione forestale in Italia. Classificazione delle foreste europee. Tipologie di foreste europee: la matrice delle specie forestali. Ripopolamento forestale in Europa nel postglaciale.
3. Distribuzione, ecologia e selvicoltura delle foreste mediterranee: macchia mediterranea, pinete di pini mediterranei (Pinus halepensis, P. pinaster, P. pinea); querceti sempreverdi (Quercus ilex, Q. suber, Q. coccifera). Produzione legnosa delle foreste mediterranee. Selvicoltura di alcune specie forestali minori dell’ambiente Mediterraneo.
4. Distribuzione, ecologia e selvicoltura delle foreste della fascia basale: querceti caducifoglie (Quercus robur, Q. petraea, Q. pubescens, Q. frainetto, Q. cerris, Q. trojana); castagneti (Castanea sativa). Cenni su latifoglie correlate alle querce (Carpinus spp., Acer spp., Fraxinus spp.). Cenni sulla vegetazione degli ambienti ripariali in Europa. Produzione legnosa delle foreste della fascia basale. Cenni sulla vegetazione degli ambienti ripariali in Europa.
5. Distribuzione, ecologia e selvicoltura delle foreste della fascia montana: Faggete (Fagus sylvatica); Abetine (Abies alba); Pinete montane (P. sylvestris, P. nigra, P. laricio, P. leucodermis). Cenni sulla selvicoltura delle grandi latifoglie esigenti comuni a più fasce di vegetazione. (Acer spp., Tilia spp., Fraxinus excelsior, Prunus avium). Produzione legnosa delle foreste montane.
6. Distribuzione, ecologia e selvicoltura delle foreste subalpine: peccete (Picea abies). Lariceti, cembreti, pinete di pino uncinato, mughete (Larix decidua, Pinus cembra, Pinus uncinata, Pinus mugo). Produzione legnosa delle foreste subalpine.
7. Cenni su materiali forestali di moltiplicazione e vivaistica forestale. Piantagioni forestali: finalità e criteri operativi. Cenni su selvicoltura clonale, selvicoltura a turni brevi, ripristino di aree forestali.

Testi consigliati

In Italiano:
Bernetti G., 1995 - Selvicoltura speciale. - UTET, Torino.
Del Favero R.. 2004 - I Boschi delle Regioni Alpine Italiane. Tipologia, funzionamento, selvicoltura. Coop. Libraria Editrice Università di Padova.
Del Favero R.. 2008 - I Boschi delle Regioni Meridionali ed Insulari d’Italia. Tipologia, funzionamento, selvicoltura. Coop. Libraria Editrice Università di Padova.
Del Favero R.. 2010 - I Boschi delle Regioni dell’Italia centrale. Tipologia, funzionamento, selvicoltura. Coop. Libraria Editrice Università di Padova.

I libri sono disponibili presso la biblioteca universitaria o sul web. Il materiale didattico verrà distribuito durante il corso e/o reso disponibile sul web.

In English
San-Miguel-Ayanz, J., de Rigo, D., Caudullo, G., Houston Durrant, T., Mauri, A. (Eds.), 2016. European Atlas of Forest Tree Species. Publication Office of the European Union, Luxembourg.
Silvics of north america: 1. Conifers 2. Hardwoods Agriculture Handbook. Silvics of North America: 1. Conifers 2. Hardwoods Agriculture Handbook 654. Burns, R. M. and B. H. Honkala (technical coordinators), U.S. Department of Agriculture Forest Service, Washington D. C., 1990. http://na.fs.fed.us/spfo/pubs/silvics_manual/table_ of_contents.htm.
Kelty, M. J., Larson, B. C., & Oliver, C. D. (Eds.). (2013). The ecology and silviculture of mixed-species forests: a festschrift for David M. Smith (Vol. 40). Springer Science & Business Media. (Class. Bibl. 574.52642).
Helms, J. A. (1998). The dictionary of forestry. (Class. Bibl. 634.903/DIC).
Silviculture Handbook. Wisconsin DNR, Publication Number 2431.5, Madison: Wisconsin DNR, 2010. www.dnr.state.wi.us/forestry/Publications/H andbooks/24315/

The books are available in the university library or on the web. Teaching material will be distributed during the course and/or made available on the web.

Propedeuticità

Per seguire con profitto questo corso, lo studente dovrebbe aver acquisito le conoscenze di base relative alla Selvicoltura generale, all’Ecologia forestale e alla Botanica forestale.

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 40

Valutazione del profitto

Prova orale

Descrizione dei metodi di accertamento

In Italiano La valutazione delle conoscenze acquisite si svolgerà attraverso un esame orale, che sarà pubblicato con largo anticipo sul sito web del corso. La prova finale verificherà la preparazione dello studente su tutte le parti del programma. Esso riguarderà la discussione di tre argomenti attinenti al corso. Uno degli argomenti potrà essere a scelta, concordato con il docente, consistente nella discussione di un elaborato scritto che approfondisca gli aspetti selvicolturali di un articolo scientifico attinente al corso o di una situazione reale affrontata nel corso delle esercitazioni in foresta e/o di diretta conoscenza dello studente. Criteri di valutazione: - livello di conoscenza degli argomenti trattati durante il corso; - capacità di collegamento interdisciplinare e discussione critica dei contenuti del corso; - abilità nella pianificazione di una attività selvicolturale partendo da un caso di studio; - padronanza di espressione ed uso corretto della terminologia tecnica. In English The assessment of the knowledge acquired is achieved through an oral examination, at fixed date, that wil be published well in advance on the course website. The final examination will verify the preparation of the student on all the parts of the program. It will concern the discussion of three topics pertinent to the course. One of the topics can be chosen, agreed with the teacher, consisting in the discussion of a written report that deepens the silvicultural aspects of a scientific paper relevant to the course or of a real situation faced during field activities in the forest and/or of direct knowledge of the student. Evaluation criteria: - knowledge of course contents; - ability to integrate and critically discuss course contents; - skill in planning a silvicultural activity starting from a case study; - level of clarity in exposition and proper use of technical terminology.

Luogo lezioni

Orario lezioni

Comunicazioni

Il Prof. Maurizio Sabatti riceve presso il proprio studio il lunedì dalle ore 11 alle ore 13. Si suggerisce di prendere appuntamento con il docente contattandolo direttamente via email (sabatti@unitus.it) oppure via telefono (0761 357404)



  • Corso di Laurea: SCIENZE FORESTALI E AMBIENTALI (LM-73)
  • Codice: 17852
  • Crediti: 12
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 1
  • Erogazione: II semestre
  • Docente:MANUELA ROMAGNOLI

Modulo : 2 Cfu(6)

Programma


To provide and overview of the different application of wood in wood based biocomposites
To show possible innovation in forest.wood chain
To provide knowledge on wood modification in order to improve technical performances

Background on the biological, physical and mechanical characteristics of wood.
Wood chemistry: cellulose, hemicellulose, extractives (terpens, tannins, quinones, lignans).
Wood durability. Biotig agents of degradation, hazard classes, permeability, weathering.
Use of wood extractives, cork, gums, other non wood products.
Wood Preservants and consolidants.
Wood modification: Heat treatments (thermowood, Plato-wood, Moldrup), Chemical modification (acetylation, furfural alchol, isocyanates), properties of chemically modified wood.
Lumen modification (Polymerization, monomers). Properties of Wood-polymer composites
Wood adhesion and wood adhesives. Liquified wood, welding wood, natural glues
Solid wood. Rules for log and load bearing structures grading. Strength classes in structural timber EN technical standards. Structures in historical buildings, classification. Classification of quality in logs: EN technical standards.
Laminated timber and solid wood panels: plywoods, X-LAMS, gluelams, KVH, LVL, PVL etc. EN technical standards
Particle wood biocomposites: particleboards (waferboard, flakeboards, OSB, LVL, etc.)
Fiber-wood composites (MDF, HDF, LDF), wood-plastic composites (WPC),
Cellulose nanopapers, cellulose nanocomposites, cellulose biofoams and aerogels.
Plasma treatment of wood
Biorafinery, recycled wood.
Lignin nanoparticles and cellulose nanofibers.

Skills
Knowledge of traditional and innovative wood based biocomposites
Knowledge of natural compounds which can provide an higher value to the forest-wood chain
Skill on durability and wood tratments, biocomposites end-use according to wood durability and adhesives
Knowledge of beams stregth grading by the most appropriate Technical standards
Ability to promote wood cascade-use.

Testi consigliati

Rowell. R. Handbook of wood chemistry and wood composites, 2012. Ed. Rowell CRC Press, Taylor and Francis Group, London.
- Walker J., 2006. Primary Wood Processing.Principles and Practice. Springer Verlag.
- AA.VV. ACS Symposium Series 982. Development of Commercial Wood Preservatives.
- Materials of the teacher
- technical standards

Propedeuticità

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 40

Valutazione del profitto

Prova orale, prova pratica

Descrizione dei metodi di accertamento

to describe a wood-biocomposite, Oral examination on the topics of the course. Project work on an insight of one specific topic.

Luogo lezioni

Orario lezioni

Comunicazioni

per appuntamento da fissare inviando richiesta a mroma@unitus.it