Scheda Insegnamento: Botanica A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI (L-25)
  • Codice: 17937
  • Crediti: 8
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 1
  • Erogazione: I semestre
  • Docente: LUCA SANTI

Programma

A) OBIETTIVI FORMATIVI
Il corso si propone di fornire le conoscenze di base delle principali discipline botaniche in un unico insegnamento con particolare riferimento al contesto agrario e quindi con un fine propedeutico per la futura acquisizione di conoscenze e competenze nella gestione delle produzioni vegetali.

B) RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI
Conoscenza e capacità di comprensione del mondo vegetale come base per l’apprendimento dell’utilizzo agrario delle piante. Inizio del percorso di formazione di una coscienza critica e di modalità avanzate di studio.

3) PROGRAMMA
Il corso è strutturato in tre sezioni principali: la prima è incentrata sugli aspetti di base di biologia vegetale, la seconda sulla diversità vegetale e le relazioni evolutive delle piante e la terza sulla botanica delle principali piante coltivate. Durante il corso sono previste anche due esercitazioni.
Nella prima sezione partendo dai concetti generali di citologia vengono illustrate le peculiarità della cellula vegetale per poi affrontare i diversi livelli di organizzazione, la struttura morfologica ed anatomica delle piante, i meccanismi di sviluppo e quelli riproduttivi, mettendo in evidenza le relazioni fra aspetti citologici, istologici e morfologici. In particolare a livello cellulare sono affrontati i seguenti argomenti: la cellula vegetale, la parete cellulare, il citoscheletro, il sistema delle endomembrane (reticolo endoplasmatico e apparato di Golgi), il vacuolo, i plastidi ed il nucleo includendo anche il ciclo cellulare ed una introduzione a mitosi e meiosi. A livello tissutale verranno trattati i meristemi, i tessuti parenchimatici, meccanici, tegumentali, conduttori e secretori, mentre a livello di organo, il fusto, la foglia e la radice. In conclusione la riproduzione, il seme ed il frutto sono affrontati a livello di organismo.
Nella seconda parte dedicata alla diversità vegetale viene illustrata approfonditamente la teoria dell’evoluzione e le principali linee evolutive del regno vegetale con particolare riferimento ai principali aspetti morfologici, biologici, filogenetici ed adattativi. In questo contesto la lezione incentrata su nomenclatura e classificazione delle piante è strettamente collegata ad una delle due esercitazioni che verte sulla presentazione e l’utilizzo dell’erbario didattico di Ateneo.
In particolare le principali linee evolutive trattate in questa sezione del corso, delle quali si tratteranno i caratteri principali, la riproduzione e la sistematica sono: i cianobatteri, le alghe, le briofite, le pteridofite, le gimnosperme e le angiosperme dicotiledoni e monocotiledoni.
La terza sezione prende in considerazione gli aspetti botanici delle principali piante coltivate, tipiche italiane (grano, riso, pomodoro, ulivo, melo, mais, patata, vite ed agrumi) ma anche colture importanti a livello globale (soia, cotone e colza). Inoltre in questa sezione vengono introdotte le piante come produttori di molecole bioattive, le piante come depuratori dell’ambiente e le piante produttrici di allergeni.
Il corso prevede anche la visita all’Orto Botanico di Ateneo “Angelo Rambelli”, la visita è intesa ad illustrare l’importanza degli Orti Botanici e il razionale seguito per la loro progettazione e realizzazione, particolare importanza didattica è riservata all’ illustrazione dei diversi biomi ricreati.

Testi consigliati

Botanica generale e diversità vegetale.Gabriella Pasqua, Giovanna Abbate, Cinzia Forni. Piccin
Presentazioni delle lezioni (reperibili sul portale dello studente)

Per approfondimenti:
Biologia delle piante di Raven. Ray F Evert, Susan E Eichhorn. Zanichelli

Propedeuticità

Nessuna

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 50

Valutazione del profitto

Prova in itinere, prova scritta

Descrizione dei metodi di accertamento

L’esame si svolge in forma scritta ed è di natura teorica, ha i medesimi contenuti ed obiettivi di un esame orale.
In particolare l’esame si compone di 7 domande aperte:
- 4 a risposta aperta breve, massimo 3 righe; in questo caso alla risposta corretta sono assegnati un massimo di 3 punti
-3 a risposta aperta estesa, massimo 15 righe; in questo caso alla risposta corretta sono assegnati un massimo di 6 punti


Per lo svolgimento della prova al candidato sono concessi 60 minuti.

Durante il corso, circa alla metà, è prevista una prova in itinere per i frequentanti.

Luogo lezioni

Orario lezioni

Comunicazioni

Lunedì: dalle 14:00 alle 16:00

Mercoledì: dalle 11:00 alle 13:00

Previo appuntamento tramite email