Scheda Insegnamento: Scienze e tecnologia del legno A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02 abilitante ai sensi del D.Lgs n.42/2004)
  • Codice: 17963
  • Crediti: 8
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 1
  • Erogazione: I semestre
  • Docente:MANUELA ROMAGNOLI

Modulo : 1 Cfu(6)

Programma

OBIETTIVI FORMATIVI.
1) Conoscere le principali caratteristiche biologiche, chimiche fisiche e meccaniche dei legni di più comune impiego nei beni culturali, e le metodologie per descrivere e caratterizzare il materiale.
2) Conoscere i principali fattori di deterioramento del materiale legno e le migliori prassi per la conservazione.
3) Identificare i legni macroscopicamente e microscopicamente
4) Conoscere i principi per la datazione del legno con la dendrocronologia e il radiocarbonio.

PROGRAMMA.
Struttura macroscopica del legno: tessitura, fibratura, durame-alburno, caratteristiche organolettiche del
materiale, anelli di accrescimento.
Struttura microscopica del legno: specie a legno omoxilo (conifere) ed eteroxilo (latifoglie). Organizzazione cellulare in tessuti xilematici.
Identificazione macroscopica e microscopica dei legni più utilizzati nei beni culturali.
Difetti originari del materiale: (nodi, deviazioni di fibratura, legni di reazione, fessurazioni…..).
Datazione del legno: dendrocronologia, radiocarbonio, datazioni incrociate dendrocronologia-radiocarbonio (wiggle matching).
Alterazione e degrado: alterazione per agenti abiotici (reazioni fotochimiche di superficie, scorrimento meccanico), degrado biologico (funghi della carie, funghi cromogeni, batteri, insetti),
Caratterizzazione fisica de legno:
- concetto di durabilità e classi di utilizzo (cenni).
- massa volumica
- relazioni legno acqua (ritiri, rigonfiamenti, isteresi igroscopica e di ritiro)
- legno elettricità, legno-suono, legno calore
Caratterizzazione meccanica del legno: comportamento del materiale a sollecitazioni di compressione, flessione, usura, durezza, trazione.
Schede monografiche dei legni di maggiore impiego nei beni culturali.
Caratterizzazione del degrado in legni storico-artistici e archeologici, modificazioni di strutturali, morfologicahe, chimiche e fisiche.
Metodi avanzati per l’ispezione in situ delle strutture lignee.
Gli argomenti sono inquadrati nella normativa tecnica UNI, EN, ISO di riferimento.
Laboratorio di identificazione macroscopica e microscopica dei legni, analisi dendrocronologiche, caratterizzazione chimica, fisica e meccanica.

RISULTATI ATTESI
1)Alla fine del corso lo studente deve essere in grado di adottare le corrette procedure per il riconoscimento macroscopico dei legni nei beni culturali. Saper descrivere la struttura microscopica dei legni ed utilizzare le chiavi di riconoscimento microscopico.
2) saper redigere una scheda tecnica descrittiva sulle caratteristiche e difetti del legno analizzato, saper identificare i principali fattori di rischio per il deterioramento e descrivere lo stato di degrado del materiale.
3) individuare le principali metodologie utili per la diagnostica del materiale e la sua conservazione
4) interpretare i risultati di un rapporto tecnico fornito da laboratori specializzati ed avere le capacità di una diagnosi basilare sulla identificazione del legno impiegato nel manufatto.

Testi consigliati

Nardi Berti (2006). Contributi Scientifico Pratici per una migliore conoscenza del legno
Dispense Bonamini e Uzielli e Zanuttini: Dispense di Tecnologia del Legno, Università degli Studi di Firnze.
Romagnoli M- Dendrocronologia per i Beni Culturali e l’ambiente. Nardini Editore.
Gambetta A 2010. Insetti e Funghi che attaccano il legno. Nardini editore, Firenze
Dispense distribuite a lezione dal docente.
Nocetti M. 2013. I Difetti del legno. Quaderni di Sherwood, Ecoalleco libri
Borghini e Massafra (a cura di) 2002. Legni da Ebanisteria.
Conservation of Wood Artifacts
Unger, A., Schniewind, Arno, Unger, W. 2001. Conservation of wood artifact. Springer
Romagnoli M. et al., Dendrocronologia per i beni culturali (2007). In dendrocronologia pr i beni culturali e l'ambiente, Nardini Editore

Propedeuticità

Nessuna

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 48

Valutazione del profitto

Prova orale, prova pratica

Descrizione dei metodi di accertamento

Per gli studenti del percorso PFP1 verranno richiesti in genere gli elementi di descrizioni microscopica del legno, non verrà richiesta l'identificazione microscopica del legno. Per gli studenti del percorso PFp2 verrà richiesta l'identificazione anche microscopica dei legni, su preparati microscopici o vetrini. Per gli studenti della classe L1 non verrà richiesta la parte di identificazione macroscopica e microscopica dei legni, ma solo la descrizione del campione. Inoltre verrà data particolare enfasi alla parte di datazione del legno. Per entrambi i percorsi di studio la prova di accertamento consiste nella identificazione macroscopicadei legni. Descrizione macroscopica del campione e della difettosità. Accertamento della preparazione orale almeno una domanda sulle caratteristiche strutturali e chimiche del legno, una domanda almeno sulle caratteristiche fisiche, una domanda almeno sulle caratteristiche meccaniche, una domanda sulla datazione.

Luogo lezioni

Ex Dipartimento Disbec

Orario lezioni

INIZIO LEZIONI 9 OTTOBRE 2017
LUNEDI' 9-11 STANZA 7
MARTEDI' 9-11 STANZA 7
GIOVEDI 9-11 STANZA 7

Comunicazioni

per appuntamento da fissare inviando richiesta a mroma@unitus.it



  • Corso di Laurea: CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02 abilitante ai sensi del D.Lgs n.42/2004)
  • Codice: 17963
  • Crediti: 8
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 1
  • Erogazione: I semestre
  • Docente:RICCARDO SALVATI

Modulo : 2 Cfu(2)

Programma

Testi consigliati

Propedeuticità

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 16

Valutazione del profitto

[Prova non definita]

Descrizione dei metodi di accertamento

Luogo lezioni

EX DIPARTIMENTO DISBEC

Orario lezioni

AL TERMINE DEL MODULO DELLA PROF.SSA ROMAGNOLI

Comunicazioni

[ Pagina relativa agli orari di ricevimento del prof Riccardo Salvati attualmente in costruzione ]