Scheda Insegnamento: Economia e marketing dei prodotti agroalimentari A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI (LM-70)
  • Codice: 18253
  • Crediti: 12
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 1
  • Erogazione: I semestre
  • Docente:CLARA CICATIELLO

Modulo : 1 Cfu(6)

Programma

1. OBIETTIVI FORMATIVI
Scopo dell’insegnamento è fornire un quadro generale dell'azione di marketing svolta dalle imprese del settore agroalimentare, con particolare attenzione alla sua integrazione con l'insieme più generale delle strategie aziendali. L’insegnamento è strutturato per fornire agli studenti le conoscenze e le competenze necessarie per la gestione di imprese operanti in diversi settori della filiera agroalimentare e per la fornitura di consulenza e di servizi per aumentare il valore aggiunto dei prodotti.

2. RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI
1) Conoscenza e capacità di comprensione: l’insegnamento fornirà conoscenze e capacità di comprensione delle modalità con cui si gestiscono le strategie di marketing di una impresa agroalimentare.
2) Conoscenza e capacità di comprensione applicate: gli studenti acquisiranno la capacità di sviluppare un piano di marketing per un prodotto agroalimentare, e di analizzare nel concreto l'ambiente e il contesto d'impresa per identificare le condizioni per la creazione di valore.
3) Autonomia di giudizio: al termine del corso, gli studenti saranno in grado di elaborare autonomamente strategie e piani di marketing per la valorizzazione commerciale dei prodotti agroalimentari.
4) Abilità comunicative: il corso permette di sviluppare le abilità comunicative degli studenti, spingendoli al confronto con gli altri durante le esercitazioni.
5) Capacità di apprendimento: il corso svilupperà la capacità di apprendimento degli studenti tramite la discussione continua di esempi reali e il confronto reciproco.

3. PROGRAMMA DEL CORSO
Il corso, dopo aver inserito l'attività di marketing management nel contesto della pianificazione strategica, affronta inizialmente il lato della domanda del mercato con cui si confronta l'impresa (comportamenti, segmentazione e ricerche relativi ai consumatori) e successivamente le strategie legate alle singole componenti del marketing-mix (prodotto, prezzo, distribuzione, promozione) che l'impresa stessa deve adottare per soddisfare nel modo migliore tale domanda.
Allo scopo di conferire al corso una valenza applicativa, i concetti teorici vengono tradotti in termini operativi attraverso lo svolgimento di esercitazioni che guidano lo studente alla realizzazione di un piano di marketing. In tale piano di marketing la proposta per il lancio di un nuovo prodotto, dopo essere stata contestualizzata nell'ambito delle strategie aziendali, viene analizzata in termini di valutazione strategica (segmentazione, targeting, posizionamento) e ne viene proposto un adeguato marketing mix.
Il corso è articolato come segue:
I) CONCETTI GENERALI DI MARKETING
- Il marketing come funzione strategica di impresa
- Struttura e risultati delle ricerche di marketing
II) IL MARKETING ANALITICO PER LA CONOSCENZA DEL MERCATO
- Comportamenti e decisioni dei consumatori
- La segmentazione del mercato: metodologie e procedure
III) DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE DI MARKETING
. La pianificazione strategica d'impresa
- Analisi SWOT, targeting e posizionamento
IV) LA GESTIONE DEL MARKETING MIX
- Decisioni relative al prodotto
- Forme di comunicazione e modalità di vendita
- Tipologie e caratteristiche dei canali distributivi
- Politiche di prezzo
V) IL PIANO DI MARKETING
Struttura e contenuti del piano di marketing
Applicazione a un caso di studio

Testi consigliati

- J.P. Peter, J.H. Donnelly, C.A. Pratesi, Marketing (quarta edizione), McGraw-Hill, Milano 2009 (ISBN 9788838666100)
- Slides delle lezioni (disponibili sulla piattaforma didattica)

Propedeuticità

Nessuna

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 40

Valutazione del profitto

Prova orale

Descrizione dei metodi di accertamento

Esame orale alla lavagna

Luogo lezioni

Orario lezioni

Comunicazioni

RICEVIMENTO
A partire dal mese di ottobre e per tutta la durata del corso di Marketing Agroalimentare, la prof.ssa Cicatiello effettua ricevimento studenti il mercoledì dalle 11 alle 12, presso l'ufficio della prof.ssa Carbone (polo di Agraria, corridoio retrostante Aula Magna).
E' possibile fissare appuntamenti in orari e giorni diversi previo accordo da prendere via mail.

AVVISO
La lezione di Marketing Agroalimentare che non si è svolta il giorno 17 ottobre sarà recuperata venerdì 27 ottobre dalle ore 14 alle 16, in aula 2 del Polo di Scienze,



  • Corso di Laurea: SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI (LM-70)
  • Codice: 18253
  • Crediti: 12
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 1
  • Erogazione: II semestre
  • Docente:ANNA CARBONE

Modulo : 2 Cfu(6)

Programma

OBBIETTIVI FORMATIVI/RISULTATI DI APPRENDIMENTO
il corso ha diversi ordini di obbiettivi:
1) sul piano della conoscenza dei fenomeni oggetto della trattazione contenutistica, si propone di fornire nozioni avanzate sulle caratteristiche strutturali e funzionali del sistema agroalimentare italiano, sulla sua collocazione internazionale e sulla sua traiettoria evolutiva. Particolare attenzione viene rivolta alla esposizione della dimensione sistemica dei processi ed alle necessità che ne derivano in termini di coordinamento dei processi e di definire schemi di governance efficaci. Altro aspetto cui nella discussione viene data particolare enfasi è quello della natura complessa dei fenomeni economici (organizzazione dei processi, funzionamento delle imprese e delle loro aggregazioni, interazione sui mercati) a cui si lega la multidimensionalità del risultato cui imprese e sistemi economici puntano: la competitività e i diversi piani nei quali questa si articola. Ne discende che altro obbiettivo del corso è mostrare come i diversi aspetti strutturali e funzionali (sia di breve che di medio/lungo periodo) siano fortemente interrelati e vadano perciò analizzati congiuntamente.
2) al fine di sviluppare nello studente anche capacità operative, nel corso viene proposta l'analisi di molti dati in forma tabellare e grafica e viene mostrato agli studenti il modo di leggerli e commentarli, chiedendo poi loro di replicare in autonomia l'analisi. Obbiettivo del corso è quindi anche fornire agli studenti strumenti per la successiva autonoma capacità di usare dati per costruire tabelle e grafici e per commentarne efficacemente i contenuti.
3) il corso si propone anche di stimolare lo sviluppo di capacità interattive sempre più richieste nel mondo del lavor, in particolare si vuole sviluppare la capacità di sostenere convinzioni con argomentazione razionali e complete e di confrontare opinioni in modo diretto ancorché complesso.
PROGRAMMA
INTRODUZIONE AL CORSO
Finalità del corso. Quadro generale degli argomenti trattati. Dialettica tra aspetti di teoria economica e sue applicazioni a casi concreti per interpretare il posizionamento del settore agroalimentare italiano nel contesto dell’economia nazionale e dei mercati agroalimentari globali. Metodologia d’insegnamento: lezioni tradizionali, giochi di ruolo e lavoro in gruppo. Illustrazione del Materiale bibliografico di riferimento. Illustrazione delle modalità di accertamento dell’approndimento.
I TEMI TRATTATI:
1) L’AGRICOLTURA NEL PROCESSO DI CAMBIAMENTO ECONOMICO
Le forze che trainano il cambiamento del settore primario nel lungo periodo: un’analisi di dettaglio dei principali fattori interni ed esterni . Concetti basilari.
Analisi delle relazioni di causa ed effetto tra le variabili coinvolte nel processo di cambiamento.
L’evoluzione del settore agroalimentare italiano dal secondo dopoguerra ad oggi: breve profilo storico e analisi quantitativa del cambiamento attraverso i dati statistici macroeconomici nazionali.
Il settore agroalimentare nell’economia nazionale: uno sguardo d’insieme alla situazione attuale
I-Approfondimento: i consumi alimentari e la loro evoluzione temporale
II-Approfondimento: il progresso tecnico nel sistema agroalimentare. La natura del processo innovativo, Le innovazioni nlle imprese e fuori delle imprese. I mercati e le altre istituzioni economiche per l’innovazione, La domanda di innovazione. Classificazione delle iennovazioni. Benefici delle innovazioni. I brevetti. Innovazione e produttività dei fattori, qualita’ e nuovi prodotti.

2) IL SETTORE AGROALIMENTARE ITALIANO
L’organizzazione dei sistemi produttivi (I)- le imprese, l’integrazione orizzontale e verticale; le reti, le filiere, i distretti, le cooperative, altre istituzioni collettive: aspetti teorici
L’organizzazione dei sistemi produttivi (II)- Le imprese ele altre istituzioni del sistema produttivo: aspetti applicativi e ruolo delle diverse istituzioni economiche nel settore agroalimentare italiano.
Caratteristiche strutturali ed organizzative dell’agricoltura italiana nel contesto europeo
L’industria agroalimentare e la distribuzione: aspetti dimensionali, specializzazione produttiva e localizzazione territoriale. Caratteri nazionali e contesto europeo.

3) IL COMMERCIO INTERNAZIONALE DI PRODOTTI AGROALIMENTARI
Brevi cenni di teoria del commercio internazionale: il vantaggio assoluto ed il vantaggio comparato. Cause del commercio internazionale e suoi effetti. L’analisi grafica del commercio internazionale con i grafici “a spalla”. Le nuove teorie del commercio in ternazionale in breve.
Lo studio dei flussi commerciali: principali indicatori del commercio internazionale e la loro interpretazione. Il saldo commerciale, il saldo normalizzato, le quote di commercio, il tasso di penetarzione, l’indice di vantaggio comparato rivelato. Indici di misurazione del ruolo del commercio nel settore agroaliemntare di un paese: la propensione ad esportare, la propensione ad importare, il grado di autoapprovvigionamento.
La bilancia agroalimentare italiana: evoluzione e risultati attuali attraverso l’analisi dei principali indicatori di commercio internazionale. Risultati per paesi partner e per comparti.
Oltre il commercio(cenni): la globalizzazione economica. Movimenti di forza lavoro e di capitali,. Gli investimenti diretti esteri, il land grabbing.

4) LA COMPETITIVITA’ DEL SISTEMA AGROALIMENTARE
Il concetto di competitività e le sue diverse declinazioni
La misura della competitività
La competitività dei prodotti dell’agroalimentare italiano
La competitività internazionale
Fattori di competivitità e suoi limiti

5) LA QUALITÀ NEL FUNZIONAMENTO DEI MERCATI DEI BENI ALIMENTARI
Le tendenze della domanda ed il ruolo della qualità
Le declinazioni della qualità agroalimentare e la diversificazione dei prodotti
La qualità come elemento competitivo del sistema agro-alimentare italiano
L’analisi economica dei mercati dei beni differenziati
Informazione e fallimento di mercato
L’organizzazione dell’offerta nei mercati agroalimentari di alta qualità: imprese, filiere, sistemi locali e soggetti pubblici
Le certificazioni di origine: Il Regolamento UE: obbiettivi e strumenti
Le Dop in Italia: utilizzo ed efficacia: un’analisi per comparto. Casi studio.

6) LA SALUBRITA’ DEGLI ALIMENTI: ASPETTI ECONOMICI GENERALI E FUNZIONAMENTO DEL MERCATO
I prodotti BIO e quelli OGM: aspetti economici e funzionamento del mercato
Gli alimenti salutistici e quelli funzionali: aspetti economici e funzionamento del mercato
Cibo e ambiente- L’impatto della produzione, del consumo e degli sprechi di cibo: aspetti economici e funzionamento del mercato.

Testi consigliati

Rapporti, articoli sceintifici ed altro materiale bibliografico (anche dispense didattiche) fornite dal docente durante il corso.
disponibili al link: https://moodle.unitus.it/moodle/course/view.php?id=81
Reports, journal articles, and other materials released by the Professor during the course:
downloadable at https://moodle.unitus.it/moodle/course/view.php?id=81

Propedeuticità

Nessuna

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 40

Valutazione del profitto

[Prova non definita]

Descrizione dei metodi di accertamento

Esame finale orale. Al candidato saranno poste massimo tre domande che spaziano su tutto il programma, ognuna delle quali sarà valutata con un punteggio da 0 a 10. Il voto dell’esame finale corrisponde alla somma delle tre singole votazioni. Il voto terrà conto delle conoscenza e dei concetti teorici acquisiti, della capacità di utilizzarli per l’analisi dei problemi concreti descritti per il sistema agroalimentare italiano e di collegare conoscenze interdisciplinari, di formulare ipotesi e giudizi, della padronanza e chiarezza di espressione ed esposizione. Tutti gli studenti che frequentano faranno i giochi di ruolo ed esercizi applicativi su casi concreti (problem solving) proposti durante il corso (6 ore). Il voto complessivo finale terrà conto anche della partecipazione a tali attivita’ comuni in aula (10%). Su base volontaria, solo gli studenti che frequentano le lezioni possono scegliere di preparare una presentazione monografica che verra' utilizzata ai fini dell'accertamento dell'apprendimento. al fine di attivare questa modalita', tutti gli studenti del corso devono optare in tal senso. Nel caso queste attività vengano svolte, il voto complessivo finale ne terrà conto (15%). Gli studenti con difficolta' di apprendimento (certificate) possono chiedere di sostenere l'esame in forma scritta. In questo caso le domande verranno proposte con un testo scritto al quale si chiedera' di rispondere con 20 righe al massimo per ognuna. il docente si riserva di chiedere chiarimenti orali qualora lo reputasse necessario ed in base ad valutazioni specifiche effettuate caso per caso. Tutti gli studenti che frequentano faranno i giochi di ruolo proposti durante il corso. Gli studenti con difficolta' di apprendimento (certificate) possono chiedere di sostenere l'esame in forma scritta. In questo caso le domande verranno proposte con un testo scritto al quale si chiedera' di rispondere con 1 righe al massimo per ognuna. il docente si riserva di chiedre chiarimenti orali qualora lo reputasse necessario ed in base ad valutazioni specifiche effettuate caso per caso.

Luogo lezioni

Orario lezioni

Comunicazioni

Ricevimento nel mese di settembre 2017
7 settembre 9.00-10.00
11 settembre 14.00-16.00
19 settembre 1200-13.00 (orario da confermare)
26 settembre 12.00-13.00
E' gradita richiesta di conferma per email.
In altri giorni eventualmente su appuntamento scrivendo con 2-3 giorni di anticipo a: acarbone@unitus.it

Dal 1 ottobre al 22 dicembre 2017:
lunedi 12.00-13.00
martedì 8.30-10.00
In altri giorni su appuntamento concordato scrivendo a: acarbone@unitus.it