Scheda Insegnamento: Metodologie spettroscopiche per il controllo della qualità degli alimenti A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: SCIENZE E TECNOLOGIE ALIMENTARI (LM-70)
  • Codice: 18259
  • Crediti: 6
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 1
  • Erogazione: I semestre
  • Docente: FERNANDO PORCELLI

Programma

Obiettivi formativi
Il corso introdurrà gli studenti ai principi e agli approcci sperimentali, in rapida evoluzione delle varie tecniche spettroscopiche per la determinazione strutturale e l'analisi quali-quantitativa di molecole di interesse agroalimentare.
In particolare nel modulo di Spettroscopia verranno illustrate le tecniche per la caratterizzazione delle molecole biologiche quali spettroscopia IR, la spettroscopia di fluorescenza e di assorbimento Uv-vis e la spettroscopia NMR. Per ogni argomento proposto verrà fornita la base teorica sul principio di funzionamento e verranno presentate e discusse numerose applicazioni partendo dall'analisi della letteratura.

Risultati apprendimento

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE : conoscere i principi che stanno alla base delle tecniche spettroscopiche presentate nel corso, ed essere in grado di comprenderne le potenzialità ed il loro utilizzo per lo studio di sistemi e/o processi alimentari.

CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE: partendo dagli esempi discussi durante il corso avere una comprensione degli approcci teorico-sperimentali al fine di scegliere la tecnica spettroscopica e computazionale più adatta per risolvere problema di interesse, progettando l’esperimento ed analizzando in maniera critica i risultati.

AUTONOMIA DI GIUDIZIO: essere in grado di interpretare i risultati sperimentali e di calcolo ottenuti e discuterli in maniera logica.

CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO: essere in grado di descrivere temi scientifici inerenti i sistemi studiati utilizzando in maniera critica le tecniche trattate nel corso.

PROGRAMMA
La quantizzazione dell’energia. Energie molecolari e la radiazione elettromagnetica.
Introduzione alla spettroscopia di assorbimento e di emissione.
La spettroscopia a microonde: analisi delle transizioni.
La spettroscopia I.R: principi teorici e studio degli assorbimenti caratteristici delle molecole organiche (vibrazioni di bending e di stretching)
Spettroscopia UV-Visibile: Cenni sulla teoria LCAO e analisi delle transizioni elettroniche. Assorbimento dei composti organici di interesse alimentare.
Strumentazione: sorgenti, monocromatori e rivelatori. Legge di Lambert-Beer. Analisi quantitativa: metodi utilizzati nell’analisi quantitativa.
Spettroscopia di fluorescenza: principi del metodo e strumentazione.
Spettroscopia NMR: principi generali, caratteristiche degli spettri NMR monodimensionali. Spettroscopia NMR bidimensionale (COSY,TOCSY,NOESY) per lo studio di molecole di interesse nel campo alimentare.
Applicazioni in campo alimentare

Testi consigliati

Identificazione Spettrometrica dei composti organici,
Silverstein, Webster, Kiemle, Bryce - Casa editrice Ambrosiana

Analisi chimica strumentale (metodi ottici volume B)
Cozzi, Protti, Ruaro - Zanichelli

Propedeuticità

Nessuna

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 40

Valutazione del profitto

Prova orale

Descrizione dei metodi di accertamento

L'esame si svolge nelle forme stabilite dall'art. 23 del Regolamento Didattico di Ateneo. Del suo svolgimento viene redatto apposito verbale, sottoscritto dal Presidente e dai membri della commissione e dallo studente esaminato. Il voto è espresso in trentesimi, con eventuale lode. Il superamento dell'esame presuppone il conferimento di un voto non inferiore ai diciotto/trentesimi e comporta l'attribuzione dei corrispondenti crediti formativi universitari. Nella valutazione delle prova e nell’attribuzione del voto finale si terrà conto: del livello di conoscenza dei contenuti dimostrato (superficiale, appropriato, preciso e completo, completo e approfondito), della capacità di applicare i concetti teorici (errori nell’applicare i concetti, discreta, buona, ben consolidata), della capacità di analisi, di sintesi e di collegamenti interdisciplinari (sufficiente, buona, ottima), della capacità di senso critico e di formulazione di giudizi (sufficiente, buona, ottima), della padronanza di espressione (esposizione carente, semplice, chiara e corretta, sicura e corretta).

Nel corso della prova finale il candidato dovrà
a) presentare in maniera critica un lavoro scientifico che utilizzi una delle tecniche spettroscopiche trattate nel corso.
Inoltre il candidato dovrà dimostrare di sapere:
a) scegliere la tecnica spettroscopica più adatta per risolvere il problema di interesse.
b) progettare l’esperimento.
c) analizzare e discutere in maniera critica i risultati.

Luogo lezioni

Orario lezioni

Comunicazioni

Nel periodo Ottobre-Gennaio lunedi-giovedi 9-11
oppure in altro orario previo appuntamento da concordare via e-mail.

Nel periodo Febbraio-Giugno qualsiasi giorno previo appuntamento da concordare via mail.