Scheda Insegnamento: Viticoltura II e gestione del suolo in viticoltura A.A. 2017/2018
  • Corso di Laurea: TECNOLOGIE ALIMENTARI ED ENOLOGICHE (L-26)
  • Codice: 18300
  • Crediti: 12
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 2
  • Erogazione: II semestre
  • Docente:NON DISPONIBILE DOCENTE

Modulo : 1 Cfu(3)

Programma

Testi consigliati

Propedeuticità

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 24

Valutazione del profitto

[Prova non definita]

Descrizione dei metodi di accertamento

Luogo lezioni

Orario lezioni

Comunicazioni




  • Corso di Laurea: TECNOLOGIE ALIMENTARI ED ENOLOGICHE (L-26)
  • Codice: 18300
  • Crediti: 12
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 2
  • Erogazione: II semestre
  • Docente:NON DISPONIBILE DOCENTE

Modulo : 2 Cfu(3)

Programma

Testi consigliati

Propedeuticità

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 24

Valutazione del profitto

[Prova non definita]

Descrizione dei metodi di accertamento

Luogo lezioni

Orario lezioni

Comunicazioni




  • Corso di Laurea: TECNOLOGIE ALIMENTARI ED ENOLOGICHE (L-26)
  • Codice: 18300
  • Crediti: 12
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 2
  • Erogazione: II semestre
  • Docente:SILVIA RITA STAZI

Modulo : 3 Cfu(4)

Programma

Obiettivo formativo:
L’obiettivo è fornire agli studenti una conoscenza di base dei costituenti del suolo e dei processi che regolano i cicli biogeochimici degli elementi nutritivi. Gli obbiettivi didattici ritenuti essenziali sono: l'applicazione dei concetti di chimica
generale, inorganica ed organica appresi nei relativi insegnamenti; l'acquisizione del concetto di:
- suolo come sistema vivente, esposto, pertanto, ad influenza di carattere ambientale e da pratiche agronomiche ed extra-agronomiche di origine antropica;
- suolo come sede di equilibri ecologici importanti, complessi e delicati,
con l'obbiettivo di contribuire a sviluppare nello studente la consapevolezza della necessità di monitorare e salvaguardare tali equilibri con un uso oculato di lavorazioni, fertilizzanti e pesticidi.

Risultati di apprendimento attesi:
Lo studente acquisirà le conoscenze utili per comprendere le relazioni che esistono tra il suolo e la pianta e che sono indispensabili per il controllo della risorsa suolo in campo agronomico e ambientale.

Programma:
1. Introduzione al suolo:
Concetti di suolo - Componenti del suolo
2. La componente minerale del suolo. Granulometria e struttura:
Intervalli dimensionali - L'importanza della tessitura - Mineralogia delle frazioni sabbia e limo -Mineralogia della frazione argillosa.
Struttura del terreno agrario: tipi di struttura; fattori che condizionano la struttura; formazione dei microaggregati; stabilità della struttura.
3. Suolo: Costituzione e proprietà:
Componenti inorganiche; componenti organiche; sostanze umiche.
Le fasi solida, liquida e gassosa di un suolo. Il ciclo idrogeologico:
regime idrico; controllo del regime idrico; bilancio idrico. Diverse frazioni di acqua nel suolo: capacità idrica massima (C.I.M); capacità idrica di campo (C.I.C); punto di appassimento; acqua igroscopica; acqua disponibile; potere assorbente del terreno. Il pH.
4. Suolo: Il ciclo dei nutrienti:
I nutrienti necessari alla crescita della pianta - Il ciclo dell'azoto - Fosforo e zolfo - Potassio, calcio e magnesio - Elementi in traccia
5. Il mantenimento della produttività del suolo
Metodi tradizionali - Produttività e fertilità del suolo - Acidità del suolo e correzione - L'importanza della struttura del suolo
6. Fertilizzanti, pesticidi, potenziali inquinanti (cenni):
Definizioni - Fertilizzanti azotati - Fertilizzanti fosfatici - Altri fertilizzanti - I pesticidi nel suolo
7. Suoli affetti da elevati contenuti salini (cenni):
Gestione delle risorse idriche per il controllo della salinità - Recupero dei suoli affetti da elevati contenuti salini.
8. Analisi chimico-agrarie (cenni)

Testi consigliati

R. E. White, Principles and Practice of Soil Science: the Soil as a Natural Resource, 4a Edizione,
Blackwell Publishing, 2005, ISBN-0632064552

Propedeuticità

chimica generale e chimica organica

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 24

Valutazione del profitto

Prova in itinere, prova orale

Descrizione dei metodi di accertamento

prova in itinere (prova scritta) e prova orale

Luogo lezioni

Orario lezioni

Comunicazioni

martedi-mercoledi ore 14,30/15,30
preferibile appuntamento



  • Corso di Laurea: TECNOLOGIE ALIMENTARI ED ENOLOGICHE (L-26)
  • Codice: 18300
  • Crediti: 12
  • Anno Off. Formativa: 2017/2018
  • Anno di Corso: 2
  • Erogazione: II semestre
  • Docente:SARA MARINARI

Modulo : 4 Cfu(2)

Programma

Obiettivi formativi
l corso introdurrà gli studenti ai principi e agli approcci di indagine pedologica. Il corso si propone di fornire le conoscenze di base sulla genesi ed evoluzione dei suoli e fornire la base per ulteriori studi specializzati nella conoscenza del suolo come componente del terroir in viticoltura.

Risultati dell'apprendimento attesi
CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE Aver sviluppato la conoscenza dei principi di Pedologia. Conoscenze dei fattori e dei processi pedogenetici e delle possibili relazioni con il terroir vitivinicolo.
CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE Avere una comprensione degli approcci alla descrizione della stazione e della morfologia del profilo pedologico .
AUTONOMIA DI GIUDIZIO Essere in grado di interpretare il processo pedogenetico di base . Capacità di valutare l'attitudine di un suolo alla produzione vitivinicola secondo le caratteristiche dell’ambiente e del luogo dove è localizzato. Capacità di interpretazione dei risultati sperimentali di analisi chimico-fisica di un suolo.
CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO Essere in grado di descrivere temi scientifici inerenti la Pedologia nella forma scritta e orale.

Programma
Il suolo come componente importante del terroir. Nuove frontiere della pedologia in questo campo di studio, nuovi materiali e metodi che possono essere utilizzati per capire e misurare l'influenza del suolo in viticoltura. Il “terroir” definito dalle caratteristiche specifiche del suolo, della topografia, del clima, del paesaggio e della biodiversità. Meccanismi che regolano l'effetto del suolo sui terroir vitivinicoli. Il ruolo del terroir nel determinare le fasi fenologiche della vite. Evidenze empiriche della dipendenza del terroir da particolari caratteristiche pedologiche.

Testi consigliati

Costantini E. e P. Bugelli (2008). Suolo, vite ed altre colture di qualità: l’introduzione e la pratica dei concetti “terroir” e “zonazione”
Materiale delle lezioni fornito dal docente

Propedeuticità

Si consigliano le seguenti discipline come propedeuticità (non obbligatorie): Chimica generale ed organica Fondamenti di Chimica del Suolo

Frequenza

Facoltativa

Metodologia didattica

Ore lezione: 16

Valutazione del profitto

Prova in itinere, prova orale

Descrizione dei metodi di accertamento

Una prova in itinere e/o orale nelle date di appello fissate. Il giudizio e il voto finale terrà conto delle conoscenze e dei concetti acquisiti, della capacità di analisi dei problemi, di collegare conoscenze interdisciplinari, di formulare ipotesi e giudizi, della padronanza e chiarezza di espressione ed esposizione.

Luogo lezioni

Orario lezioni

Comunicazioni

Martedi ore 15.30-16.30
Giovedi ore 15.00-16.30